In guerra come in guerra

Ci sono crisi importanti che richiedono reazioni importanti. All’indomani della seconda guerra mondiale, per salvare l’Europa dalla sua devastazione, gli Stati Uniti fornirono quello che finì per essere il 5% del loro PIL sotto forma di aiuti finanziari e materiali. L’America centrale ha bisogno di un “Piano Marshall” oggi.

Tutti a Washington in questi giorni sono indignati per l’afflusso di immigrati al confine messicano: una crisi umanitaria per alcuni, una crisi di incompetenza politica per altri. E c’è chi vede che non è affatto una crisi, ma difficilmente rappresenta una sfida al picco stagionale di visitatori.

I confini sono chiaramente tempestosi. Alejandro Mayuras, il Segretario per la sicurezza interna degli Stati Uniti, ammette che dall’inizio del 2021 sono arrivate lì più persone che in qualsiasi momento negli ultimi 20 anni.

Gli adulti e le famiglie erano separati, ma lo abbiamo fatto – Alhamdulillah! Il cuore non rifiuta il viaggio di un minore da solo. Delle 172.000 persone che si sono fermate al confine a marzo, quasi 19.000 erano bambini e adolescenti, più che in qualsiasi mese da quando sono state raccolte tali statistiche.

Una serie di epidemie

La stragrande maggioranza di questi immigrati proviene dai tre paesi del “Triangolo settentrionale”, Guatemala, Honduras ed El Salvador. Un certo livello di miseria fa parte della vita quotidiana: lì, ad esempio, quasi il 60% dei guatemaltechi vive al di sotto della soglia di povertà.

La corruzione affligge anche queste società. Secondo Transparency International, la corruzione ha recentemente spazzato via milioni di dollari in Honduras e la battaglia contro l’impunità si sta trasformando da fallimento in fallimento. D’altra parte, El Salvador potrebbe non essere più vittorioso al culmine degli omicidi globali, ma i tre paesi continuano a classificarsi tra i più violenti al mondo.

READ  Afghanistan | Una visita a sorpresa del Segretario alla Difesa Usa a Kabul

Infine, il vertice sul clima della Casa Bianca di giovedì e venerdì ha indicato che nel 2020 l’America centrale era – e dovrebbe rimanere – al centro di tempeste sempre più violente: gli uragani E il E il Mais La scorsa estate centinaia di persone sono state uccise, distruggendo villaggi e raccolti e costringendo centinaia di migliaia di persone a fuggire.

Per i grandi mali è il grande mezzo

La devastazione, tuttavia, è simile alla situazione in cui si trovano i paesi devastati da una lunga guerra. Da qui la richiesta sempre più urgente di una qualche forma di “Piano Marshall” per il “Triangolo del Nord”.

Questo piano di aiuti, che prende il nome dal suo ideatore, il generale George Marshall, è stato utilizzato per ricostruire l’Europa dal 1948. Tredici miliardi di dollari sono stati distribuiti a sedici paesi, il che equivale a $ 135 miliardi oggi.

Non ci vorrà molto per migliorare la situazione in Centro America. Meglio di un muro di confine, gli Stati Uniti rallenteranno l’attuale migrazione di massa caotica e riusciranno in un’acrobazia propagandistica redditizia come quella fatta all’estero più di settant’anni fa.

Tasso di omicidi Nel 2020

  • Honduras: 38
  • Messico: 27
  • Salvatore: 20
  • Guatemala: 15 °
  • Stato unito : 5,8
  • Canada: 1,8
  • Francia: 1,2

Per 100.000 persone

Triangolo settentrionale

Guatemala

  • 17,4 milioni di persone
  • Il 53% ha meno di 25 anni
  • Il 59,3% vive al di sotto della soglia di povertà

Honduras

  • 9,3 milioni di persone
  • Il 48,3% vive al di sotto della soglia di povertà

Il salvatore

  • 6,5 milioni di persone
  • Il 29,2% vive al di sotto della soglia di povertà
READ  Russia: Navalny afferma di essere stato "torturato" durante la detenzione per privazione del sonno

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *