Immersioni nei fondali marini a Cuba

Immersioni nei fondali marini a Cuba

Si è concluso pochi giorni fa il 19° Campionato Internazionale di Fotografia Subacquea e il 5° Campionato di Video Subacqueo, organizzati ogni due anni dalla Confederazione Mondiale delle Attività Subacquee (CMAS). Per la prima volta Cuba è stata scelta come paese ospitante, mentre Varadero, i suoi fondali e il Melia International Hotel hanno organizzato tutte le attività attorno a questo evento, al quale hanno partecipato una quindicina di paesi, tra cui Turchia, Spagna, Francia, Cile, Croazia, Italia, Portogallo e Cuba, ovviamente, paesi che hanno vinto tante medaglie.

Durante la cerimonia di consegna delle medaglie, assegnate in sei categorie, abbiamo potuto vedere e ammirare su un maxischermo i migliori video e foto subacquee e scoprire, per chi come me non si immerge, i fondali di uno dei mari più belli luoghi. Spiagge del Mondo, di fronte al maestoso Hotel Melia International a Varadero. Un mondo inaspettato e colorato, dove convivono in armonia pesci, crostacei, invertebrati e coralli dalle forme molteplici e spesso sorprendenti.

Durante questi giorni di gara sono state effettuate più di 1.500 immersioni profonde (una trentina di metri) della durata dai cinquanta ai cinquantacinque minuti, e sono state necessarie una ventina di imbarcazioni per trasportare in mare fotografi e videografi e la loro attrezzatura comprese le bombole di Nitrox. . Ogni delegazione è composta da sei persone: due fotografi, due operatori video, un capitano e un assistente.

Tre giudici – cubani e due stranieri – sono responsabili della revisione e della valutazione delle foto e dei video esclusivi. Al termine del torneo, i partecipanti si sono goduti una cena spettacolo nell’elegante cabaret continentale, che si è conclusa, come è consuetudine a Cuba, con una melodia vivace! ¡olé!, un DJ che si occupa di intrattenere gli ospiti.

READ  Brasile: Bolsonaro lancia un "ultimatum finale" alla Corte Suprema

Ci sono molti siti di immersione famosi a Cuba. Oltre a Varadero, ci sono quelli a Ciénaga de Zapata (Playa Girón), Cienfuegos (Rancho Luna), Trinidad (Ancón) e Cayo Largo del Sur, tutte nel Mar dei Caraibi, con possibilità di noleggio attrezzatura in loco.

No all’assedio!

Tra poche settimane, l’1 e il 2 novembre, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sarà chiamata ancora una volta a pronunciarsi, per la trentunesima volta consecutiva, dal 1992, contro il blocco economico e commerciale contro Cuba. Negli ultimi anni, questa risoluzione presentata da Cuba, che chiedeva agli Stati Uniti di porre fine al blocco economico e commerciale imposto all’isola socialista, è stata sempre adottata dalla grande maggioranza dei paesi, ma questa risoluzione è sempre rimasta lettera morta, nonostante il consenso . Costituisce. Questo blocco costituisce una violazione palese e sistematica della Carta delle Nazioni Unite e causa danni irreparabili al popolo cubano da più di sessant’anni.

Pertanto, per l’anno 2022, si stima che i danni subiti dall’economia cubana ammontino a 4 miliardi e 867 milioni di dollari, mentre le cifre degli ultimi 60 anni sono sconcertanti: più di 159 miliardi di dollari. Per un paese piccolo come Cuba, senza risorse naturali significative e senza una vera infrastruttura industriale, è come cercare di ascendere senza mai riuscirci. C’è qualcosa di machiavellico nell’insistenza del governo statunitense a fare ogni giorno di più per soffocare il popolo cubano, ad esempio includendo questo paese nella lista dei paesi che incoraggiano il terrorismo.

Mentre il Venezuela, che soffre anche del blocco degli Stati Uniti, è riuscito a uscirne alla meglio, grazie, tra l’altro, al suo petrolio e alle sue numerose risorse naturali, ci sono solo segnali di un allentamento delle tensioni tra questo paese e il Venezuela. L’impero americano sembra farsi sentire, e nulla indica un allentamento delle misure coercitive contro Cuba, che attraversa tempi difficili, nonostante tutti i suoi sforzi per inventare nuovi espedienti. Per questo motivo Cuba merita tutta la nostra ammirazione e il nostro sostegno.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *