Il volo 752 si schianta in Iran | Il risultato di “totale disprezzo per la vita umana”, conclude l’analisi di Ottawa

(Ottawa) “Una serie di azioni e omissioni gravi” da parte delle autorità iraniane ha portato al disastro dell’abbattimento del volo 752 con i suoi passeggeri nel gennaio 2020, secondo un’analisi dei fatti pubblicata giovedì dal governo canadese.




Christopher Reynolds
Stampa canadese

Il rapporto ufficiale, pubblicato su Global Affairs Canada, menziona “l’avventatezza e l’incompetenza delle autorità iraniane” e il loro “totale disprezzo per la vita umana” mentre le compagnie non hanno mai riferito ai sistemi di difesa aerea che i loro sistemi di difesa aerea erano in quota. Allarme prima del lancio di missili su una base Usa in Iraq, ore prima della tragedia.

Le 176 persone a bordo del volo Ukraine International Airlines 752, tra cui 55 cittadini canadesi, 30 residenti permanenti e decine di altri con collegamenti diretti con il Canada. Il collegamento tra Teheran e Kiev era un volo in coincidenza regolarmente utilizzato dai viaggiatori che desideravano raggiungere il Canada dall’Iran.

In un messaggio feroce che accompagna il rapporto, il primo ministro Justin Trudeau ha accusato le autorità iraniane dell’attacco missilistico, che ha attribuito alla loro “avventatezza, incompetenza e cieco disprezzo per la vita umana”.

“Una serie di atti e omissioni da parte delle autorità civili e militari iraniane ha portato a una situazione pericolosa in cui i rischi identificati sono stati sottovalutati e non presi sul serio”, si legge nella conclusione del Canadian Tragedy Review and Assessment Team.

Attraverso le loro azioni e omissioni, le autorità iraniane “hanno messo direttamente in pericolo l’aeromobile e altri aerei civili creando condizioni in cui l’operatore (di lancio di missili) potrebbe lanciare missili contro di loro. Guida e mancata adozione delle misure precauzionali necessarie per ridurre gli elevati rischi in questo proposito.”

Questo documento si basa sul rapporto della squadra investigativa guidata da Jeff Jaworsky, ex vicedirettore del Canadian Security Intelligence Service (CSIS). L’analisi è stata scritta sulla base dell’intelligence sulla sicurezza e delle informazioni fornite dall’aviazione civile iraniana. L’Iran ha anche impedito al Canada e all’Ucraina di inviare i propri investigatori a collaborare alle indagini sul luogo dell’incidente.

La pubblicazione di questo rapporto arriva anche tre mesi dopo che il Canada ha categoricamente respinto il rapporto delle autorità iraniane, che ha accusato un “errore umano” nello spiegare il lancio di missili da parte del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica sull’Iran, pochi minuti dopo il decollo da Teheran .

READ  Ucraina: due soldati e un civile uccisi in attentati separatisti

Il rapporto spiega che mentre la “possibile deviazione del lanciamissili” ha avuto un ruolo nella tragedia, “questo non assolve in alcun modo l’Iran dalla sua responsabilità per la morte di 176 persone innocenti”. Un esperto canadese ha citato molte carenze di leadership e controllo.

“Ciò conferma l’opinione del Canada secondo cui le azioni e le omissioni dell’Iran in relazione al volo PS752 costituiscono una violazione dei suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale”, ha affermato il primo ministro Justin Trudeau in una nota.

La squadra investigativa teme anche il ripetersi della tragedia perché l’Iran non ha ancora fornito risposte a “molte domande critiche rimaste”.

“La comunità internazionale non può concludere che le carenze siano state corrette. Pertanto non ha altra scelta che presumere che gli aerei civili che circolano nello spazio aereo iraniano siano ancora in pericolo, soprattutto perché l’Iran rafforza la sua posizione difensiva in questo periodo di crisi e le tensioni sono alte , come avvertiamo.”

L’Iran ha inizialmente negato la responsabilità per quello che inizialmente era stato visto come un incidente l’8 gennaio 2020. Tre giorni dopo, è stato rivelato che un Boeing 737-800 era stato accidentalmente abbattuto dopo essere stato abbattuto. . L’Iran è stato costretto ad ammettere il suo errore dopo che sono stati pubblicati video online che mostravano almeno un missile che colpiva l’aereo a mezz’aria.

“Mostra anche come l’Iran abbia nascosto le informazioni e distrutto il luogo dell’incidente, fornendo solo un resoconto ingannevole e superficiale degli eventi”, ha detto il segretario di Stato Marc Garneau alla conferenza di giovedì.

Il rapporto arriva tre mesi dopo che il governo federale ha categoricamente respinto il rapporto dell’autorità aeronautica iraniana, che accusava “l’errore umano” di essere il motivo per cui l’esercito iraniano ha abbattuto l’aereo pochi minuti dopo il decollo dall’aeroporto di Teheran.

“Disce tutta la colpa alle persone inferiori di Hulk, e questo è totalmente inaccettabile”, ha detto Mark Garneau.

“Non siamo soddisfatti. Non abbiamo tutta la verità”.

magra consolazione

Una task force che rappresenta Canada, Ucraina, Afghanistan, Svezia e Regno Unito ha emesso un “Avviso di accusa” contro l’Iran il 3 giugno. Stabilisce aspettative in merito a un risarcimento economico alle famiglie delle vittime, scuse ufficiali, restituzione di resti e proprietà ai propri cari e prova delle misure adottate per prevenire simili tragedie a lungo termine.

READ  L'esercito sudcoreano afferma che la Corea del Nord "ha sparato un proiettile non identificato"

Marc Garneau ha affermato che la risposta iraniana, che deve ancora essere presentata, avvierà i negoziati. Se il regime non “dimostra buona fede”, il Canada può ricorrere al meccanismo di risoluzione delle controversie dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), un’agenzia delle Nazioni Unite con sede a Montreal.

“Se ciò non è soddisfacente, possiamo portare la questione alla Corte internazionale di giustizia”, ​​ha affermato Mark Garneau. Ha rifiutato di fornire una cronologia, dicendo che “certamente non erano anni”.

L’operazione pianificata è vista come una magra consolazione per alcuni parenti delle vittime.

Kourosh Doschinas, la cui fidanzata Furu Khadem, 39 anni, era tra le vittime, ha affermato di “non fidarsi” dell’Iran per offrire una vera cooperazione.

È davvero doloroso, è molto frustrante”, ha detto in un’intervista telefonica dalla sua casa a Winnipeg. Ma non so cosa possa fare lo stato contro un regime canaglia come questo. ”

“La mia vita è stata un incubo dall’8 gennaio 2020 e non c’è un giorno in cui non ci abbia pensato”, ha detto del suo compagno, l’immunologo. “Soprattutto il modo orribile in cui è stato ucciso, insieme ad altri innocenti”. ”

Indipendentemente dal fatto che la sparatoria sia stata premeditata o meno, l’atto e le scappatoie che hanno portato ad esso sono stati “negligenza criminale” ai suoi occhi, ha detto Kourosh Duschenas. Ha invitato il Canada a fare pressione sull’Organizzazione dell’aviazione civile internazionale affinché condanni l’Iran.

L’Associazione delle famiglie delle vittime del volo PS752 ha affermato di aver accolto con favore il rapporto.

“Questo rapporto espone il disprezzo del regime iraniano per la vita umana, la sua incapacità di rivelare la verità e chiedere giustizia, e la persecuzione delle famiglie delle vittime”, ha affermato l’associazione in una nota.

“L’Associazione accoglie con favore l’impegno del Canada in questo rapporto per cercare la verità e la giustizia, anche davanti alla Corte internazionale di giustizia, e invita la comunità internazionale a ritenere la Repubblica islamica pienamente responsabile di ciò che considera l’uccisione volontaria dei propri cari”.

READ  39 personnes portées disparues après le chavirage d'un bateau au large de la Floride

L’associazione ha affermato che il regime iraniano è obbligato a divulgare in modo trasparente le ragioni della distruzione del volo PS752 attraverso un rapporto completo in collaborazione con i paesi colpiti e non ha rispettato tale obbligo.

Il ministro dei trasporti Omar Al-Ghabra ha denunciato il sistema durante una riunione del consiglio dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale la scorsa settimana, facendo arrabbiare il ministero degli Esteri iraniano.

La tragedia arriva poche ore dopo che l’Iran ha effettuato un attacco a due basi militari statunitensi in Iraq. Fu quindi una rappresaglia per l’assassinio del generale Qassem Soleimani per ordine dell’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Le e-mail di Marc Garneau entro 48 ore dalla sparatoria mostrano la sua preoccupazione per lo stato dei dati di volo e dei registratori vocali, colloquialmente denominati “scatole nere”.

Le informazioni in esso contenute su ciò che stava accadendo a bordo e su ciò che i piloti stavano discutendo sono essenziali per facilitare qualsiasi indagine, ma i primi rapporti indicavano che erano stati danneggiati e che alcuni dati potevano mancare.

Ad ogni modo, ha scritto Marc Garneau, “è inquietante che questo sia vero e durante un momento cruciale del viaggio”.

In un’e-mail nella tarda serata del 9 gennaio 2020, l’ufficio di Marc Garneau stava cercando di capire come “contestualizzare” il ruolo del Canada nelle indagini: “È un ruolo completo, un ruolo parziale e siamo soddisfatti? Di come siamo coinvolti?”

La Canadian Press ha ottenuto copie delle e-mail ai sensi dell’Access to Information Act.

Michael Bosiorkio, che era un osservatore delle indagini in Ucraina sull’incidente della Malaysia Airlines del 2014, ha affermato che da allora i cieli non sono stati più sicuri e che i governi e le istituzioni devono agire di più.Regole rigorose per proteggere lo spazio aereo dalle minacce militari.

“È un peccato che il Canada e i suoi alleati, in particolare l’Organizzazione dell’aviazione civile internazionale con sede a Montreal, stiano facendo così poco per rendere i cieli più sicuri per i passeggeri civili”, ha affermato in una e-mail.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.