Il teatro popolare rumeno de la Chaux-de-Fonds festeggia il suo 60° compleanno – rts.ch

Mentre la scena teatrale della Romandia fiorisce nella regione del Lago di Ginevra e nel Giura, il Teatro Popolare Romeno (TPR) di La Chaux-de-Fonds celebra questo fine settimana il suo 60° anniversario.

Inizialmente, il Teatro Popolare Romeno (TPR) era un ensemble. Oggi gestisce tre sale a La Chaux-de-Fonds, tra cui l’Hour Bleue, un edificio del 1837. È uno degli ultimi teatri di quel periodo ancora attivi in ​​Svizzera.

teatro popolare

La chiamata dei suoi creatori era quella di non escludere nessuno rendendo la cultura accessibile a quante più persone possibile. Oggi, da un lato, passa attraverso i biglietti d’ingresso, ma dall’altro anche attraverso la comprensione del business. Prima delle esibizioni, vengono fornite al pubblico le chiavi di lettura per aiutarlo ad apprezzare ciò che vedrà sul palco.

Il teatro popolare rumeno, che festeggia il suo 60° compleanno questo fine settimana, è rimasto fedele a se stesso nel corso degli anni. Questa è l’opinione della regista Ann Bisang, che pensa che il posto sia più aperto ora, perché lì possiamo vedere balli e musica.

“Normalmente 60 anni, non li celebriamo”, sorride. Ma lei non ha resistito a questi ammiccamenti. Era anche un’occasione per festeggiare: “Ci mancano ancora quei momenti l’anno scorso”.

Teatro cittadino

Per Genevoise, alla guida di TPR dal 2013, il teatro è uno strumento per conoscere e interrogarsi: “Non ci occupiamo esclusivamente di intrattenimento”.

Approfitta di questo anniversario del lancio di “Belle Constellation”: l’idea è quella di creare un gruppo di artisti della regione con cui lavorerai più volte durante la stagione e nel tempo.

Per la nuova stagione, Anne Bisang, vincitrice del Premio svizzero di teatro nel 2018, ha allacciato il cappello da regista in due spettacoli: “Who’s Afraid of Virginia Woolf”, che aveva già messo in scena la scorsa stagione al Pocket Theatre di Ginevra e “The Arte della Commedia””. “In pratica è un modo migliore per incorporare artisti e performer dell’area piuttosto che coinvolgerli direttamente nelle mie creazioni”.

READ  Un nuovo tipo di tennis in TVA Sports

rottura istituzionale

Il TPS ha appena subito un importante cambiamento istituzionale: l’amministrazione pubblica del Neuchâtel Théâtre non è più di proprietà dell’amministrazione, ma si è spostata nuovamente sul lato artistico. Ann Bisang guida la barca ed è raggiunta il 1° settembre dal nuovo segretario generale Perrin Guillaume Gentile. Il trio non sarebbe completo senza il direttore tecnico, André Simon Vermott.

“E ‘fondamentalmente un ritorno a casa”, ha concluso. “Direi che rimettiamo le cose in un ordine logico che è in realtà quello che vediamo spesso nei teatri creativi della Svizzera romanda o in Francia”.

ATS / fgn

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *