Il rublo sarà presto introdotto nella città occupata di Kherson

L’amministrazione russa che controlla la città portuale ucraina di Kherson intende introdurre lì il rublo, per sostituire la valuta ucraina, la grivna, dal 1 maggio, ha detto giovedì un funzionario russo locale.

• Leggi anche: Guterres dice: “La guerra nel ventunesimo secolo è una sciocchezza”.

“Dal 1 maggio ci sposteremo nella zona del rublo”, ha affermato Kirill Strimosov, vice capo dell’amministrazione locale russa istituita dalla cattura di questa regione da parte dell’esercito di Mosca all’inizio dell’invasione della Russia, citando l’Ucraina. Di RIA Novosti.

Ha affermato che le due valute, il rublo e la grivna, sarebbero in grado di operare in parallelo durante un periodo di transizione che potrebbe durare quattro mesi. “Dopodiché passeremo completamente ai regolamenti in rubli”, ha detto.

Nessun alto funzionario russo ha immediatamente confermato questi commenti.

Kherson, vicino alla penisola di Crimea che Mosca ha annesso nel 2014, è la prima e finora l’unica città di importanza ucraina che i russi hanno completamente controllato da quando hanno iniziato la loro invasione dell’Ucraina il 24 febbraio. Hanno affermato di averlo catturato il 3 marzo.

Kiev accusa anche la Russia di voler organizzare un referendum sull’indipendenza parziale in questa regione, come nel caso della vicina regione di Zaporizhia.

Ciò è stato fatto nel fiume Donbas nel 2014, quando i separatisti filo-russi, con il sostegno di Mosca, ne hanno preso parzialmente il controllo. I separatisti hanno poi dichiarato “repubbliche popolari” a Donetsk e Luhansk, la cui indipendenza Mosca aveva riconosciuto prima di invadere l’Ucraina il 24 febbraio.

Non ci sarà la Repubblica popolare di Kherson. “Se qualcuno vuole una nuova annessione, imporrà sanzioni più severe alla Russia”, ha dichiarato il 22 aprile il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

READ  Lobby di Venezia | La NRA è stata arrestata dalla giustizia di New York

Il ministero della Difesa russo afferma di aver riportato “una vita tranquilla” a Kherson. Ma le manifestazioni anti-russe e il referendum si svolgono lì regolarmente, secondo i siti dei media ucraini che mostrano foto e video di supporto. Nessun giornalista straniero ha accesso a questa città, che prima della guerra contava circa 300.000 abitanti.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.