Il G20 raggiunge la COP26 con un accordo che convince solo a metà

26NS Conferenza delle Nazioni Unite sul clima, COP26, inaugurato ufficialmente domenica a Glasgow, in Scozia. I leader del G20 non sono arrivati ​​a mani vuote, avendo accettato gli impegni a Roma, in particolare quelli relativi alla limitazione del riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius. Se questa situazione è vista come un segnale positivo, l’accordo lascia molti insoddisfatti.

“È deludente perché il G20 avrebbe potuto fungere da trampolino di lancio verso la COP26. Ma abbiamo visto piuttosto che i capi di stato vacillano e Patrick Boonen, capo della campagna per il clima e l’energia di Greenpeace Canada, si è licenziato. La sfida a Glasgow sarà essere ancora più grande affinché questo incontro sia il successo di cui l’umanità ha bisogno di fronte alla crisi climatica”.

La dichiarazione finale del G-20 va ben oltre l’accordo di Parigi sull’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. Si è anche impegnato a smettere di finanziare nuove centrali a carbone all’estero senza compromettere la produzione nazionale. La scadenza per raggiungere la neutralità del carbonio è rimasta nel “mezzo secolo”, che, per alcuni leader, potrebbe estendersi fino al 2060.

“Sì, dobbiamo porre fine al carbone, ma non solo a livello internazionale”, sottolinea Emile Boisseau Bouvier, analista di politica climatica e trasformazione ambientale presso Équiterre. Ogni paese deve fissare obiettivi per smettere di usarli rapidamente e i leader devono comprendere la portata della crisi. “

Accusa i leader del G20 di impegnarsi a mettere in atto “mezze misure”. “È bello avere degli obiettivi, ma devi seguire le azioni e i piani ci portano a 1,5 gradi Celsius. I piani di diversi paesi ci stanno attualmente portando a un riscaldamento di 2,7 gradi Celsius.

READ  Stati Uniti: un morto, quasi 100 dispersi dopo il crollo della torre in Florida

Questo obiettivo comune a 1,5 gradi Celsius invia comunque un “segnale positivo” ed è “simbolicamente significativo”, crede Maya Jejen, professore di scienze politiche presso l’Università del Quebec a Montreal. “I paesi affermano di seguire il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici [Groupe d’experts intergouvernemental sur l’évolution du climat] E che riconoscono che c’è un’emergenza e che bisogna fare qualcosa”, dice, aggiungendo che i gruppi ambientalisti hanno ragione a dire che i paesi devono attuare politiche per arrivarci. “In questo momento, è ancora un mistero”, ha detto. afferma.

Aggiunge che la questione del carbone sarà controversa alla COP26, perché paesi come l’India e la Cina fanno molto affidamento su di esso, il che complica le cose. “La trasformazione è complessa e sarà difficile trovare un accordo a Glasgow per sbarazzarsi del carbone”, ha detto. Man mano che le rinnovabili diventano competitive sui prezzi, cambiare i sistemi energetici richiede tempo, un lusso che l’attuale emergenza non necessariamente consente.

Non abbastanza ambizioso

primo ministro Justin Trudeau Da parte sua, ha dichiarato che avrebbe voluto che la riunione del G-20 portasse a un accordo più ambizioso. “Non c’è dubbio che il Canada e un certo numero di altri paesi avrebbero desiderato un linguaggio e un impegno più forti nella lotta contro il cambiamento climatico”, ha detto nella sua conferenza stampa di chiusura.

“Queste sono cose che il Canada continuerà a spingere, insieme a tutti i nostri colleghi”, ha aggiunto. Il Canada ha raddoppiato i suoi impegni sugli investimenti per il clima, ma dobbiamo fare di più e siamo qui per portare avanti questo problema domani e nei giorni a venire, alla COP26. “

Tuttavia, Justin Trudeau ha ritenuto che l’incontro consenta ancora di compiere “progressi significativi”, poiché i membri del G20 hanno riconosciuto che i paesi dovrebbero mirare a mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius ed eliminare gradualmente l’uso di carbone e metano.

READ  Molestie sessuali | Andrew Cuomo, ancora una volta accusato e rilasciato dal suo partito, rifiuta le sue dimissioni

Tuttavia, Patrick Boonen afferma che, nonostante l’apparente delusione nei confronti del primo ministro, il Canada deve fare di più per affrontare il cambiamento climatico. Ricorda che “il Canada è il peggior paese del G20 tra il 2018 e il 2020 in termini di finanziamento dei combustibili fossili, che è di 14 miliardi all’anno”.

Tuttavia, il Canada ha ricevuto commenti positivi sulle sue politiche climatiche dal cancelliere tedesco Angela Merkel e dal presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Secondo i funzionari canadesi, il sig.io Merkel ha detto a Trudeau che sarebbe stato coraggioso imporre una tassa sul carbonio come paese produttore di petrolio.

Il G-20 ha anche riaffermato le precedenti promesse dei paesi ricchi di mobilitare 100 miliardi di dollari all’anno per aiutare i paesi più poveri ad adattarsi alla crisi climatica e si è impegnato ad aumentare questo finanziamento. Circa 45 miliardi di dollari sono già stati riassegnati da vari Paesi su base volontaria.

I leader di tutto il mondo sono ora invitati a partecipare alla COP26. L’incontro è considerato “l’ultima e migliore speranza” per raggiungere gli obiettivi fissati nell’accordo di Parigi, secondo il suo presidente, Alok Sharma.

con AFP

Guarda il video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *