Il figlio del britannico detenuto in India, il cui destino si crede sia legato alla principessa Latifa, fa appello a Boris Johnson

Il figlio di un uomo d’affari britannico imprigionato in India sabato ha invitato il primo ministro britannico Boris Johnson a intervenire a nome di suo padre, che sostiene di essere stato scambiato con la principessa Latifa, la figlia dell’emiro di Dubai, che si diceva fosse un “ostaggio”. “.

“Spero che tenga conto del fatto che è un cittadino britannico e un cittadino britannico sotto la sua protezione come primo ministro del nostro paese”, ha detto a Sky News Alaric Michel, 26 anni.

Suo padre, Christian Michel, 59 anni, è accusato di essere coinvolto in uno scandalo di corruzione legato a un contratto di difesa in India, ed è stato estradato nel dicembre 2018 da Dubai, dove lavorava, in India.

Secondo il suo avvocato, le autorità indiane avrebbero potuto scambiarlo con la principessa Latifa, la cui barca è stata arrestata dalla Marina indiana nel marzo 2018 dopo la sua fuga da Dubai, dove ha detto di essere stata “torturata”. Poi è stato restituito al ricco stato del Golfo.

In video girati nel 2019 e pubblicati dai media britannici la scorsa settimana, la principessa Latifa, 35 anni, ha detto di essere tenuta “in ostaggio” in una “villa trasformata in prigione” e temeva per la sua vita. Sia Londra che le Nazioni Unite hanno chiesto prove di vita.

Venerdì il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria ha chiesto l’immediato rilascio di Christian Michel, considerato che è stato arbitrariamente detenuto.

Questo gruppo di lavoro è particolarmente preoccupato per le dichiarazioni del detenuto, a cui “nessuno dei governi si è opposto”, secondo cui il suo passaggio di consegne costituiva uno “scambio di fatto” per il ritorno di una figura di spicco negli Emirati Arabi Uniti nel marzo 2018.

READ  Unione Europea - Partecipazione di Jean-Yves Le Drian al Consiglio Affari Esteri (19.04.21)

New Delhi ha risposto indirettamente sabato. Senza dire nulla sulla principessa, il governo indiano ha semplicemente indicato che l’estradizione e l’arresto del signor Michael in India sono avvenuti “secondo le normali procedure” previste dall’accordo di estradizione tra i due paesi e dalle leggi indiane.

Alaric Michel ha detto: “Penso che sia una buona idea ottenere finalmente un sostegno franco e materiale dalle Nazioni Unite, perché se hai il sostegno delle Nazioni Unite, mostra che ovviamente c’è qualcosa che non va”.

Ha detto di essere preoccupato per la salute di suo padre, che è stato detenuto in condizioni difficili a Nuova Delhi.

Christian Michel è accusato di essere coinvolto nella corruzione di funzionari indiani per la vendita nel 2010 di 12 elicotteri della Anglo-Italian AgustaWestland per 556 milioni di euro.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *