Il crollo della strada ha tagliato in due Saint-Pierre e Miquelon

Nell’arcipelago francese di Saint-Pierre e Miquelon, l’unica strada che collega il nord e il sud dell’isola di Miquelon è stata interrotta durante la notte dal mercoledì al giovedì poiché la strada è crollata sotto l’influenza dell’alta marea, hanno riferito i giornali locali. .

La strada è lunga una trentina di chilometri ed è stata costruita su una fragile striscia di terra che collega il villaggio di Miquelon ei suoi 600 abitanti, al suo vicino meridionale, Langlid, ed è stata spazzata via dalle onde.

L’unico collegamento stradale che consente di raggiungere l’isola di Miquelon da nord a sud dopo essere stato tagliato, i residenti di Langled devono attendere la bassa marea per viaggiare e fare rifornimento. Saint-Pierre et Miquelon si trova nel sud dell’isola canadese di Terranova.

In caso di emergenza, giovedì mattina Reprap pianificato è stato reindirizzato alla lenta erosione in un altro punto lungo la strada, nel tentativo di riempire la nuova emorragia.

L’autorità locale non ha fissato una data per la riapertura e le autorità stanno cercando di mantenere un corridoio instabile per consentire potenziali evacuazioni mediche che saranno necessarie per i residenti temporanei dell’area di Langled.

L’istmo, questa lunga striscia di dune di sabbia selvaggia, delimitata su entrambi i lati dall’Oceano Atlantico, è sempre più erosa, costringendo le autorità a intraprendere operazioni di riempimento delle rocce.

Negli ultimi anni, il villaggio di Miquelon-Langlade è stato gravemente colpito dalle conseguenze del cambiamento climatico.

L’attuale episodio di erosione dell’istmo fa temere alla popolazione un ritorno a un secolo e mezzo, quando il mare riuscì a scavare il costone dunare di sabbia attraverso di esso, separando Miquelon e Langlid in due isole separate.

READ  Power cuts plunge Pakistan into darkness

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *