Il Canada evita le esercitazioni militari nell’Artico

Ottawa | Il ministero della Difesa canadese invierà solo dieci persone per partecipare alla più grande esercitazione di difesa della NATO nell’Artico, che raccoglierà più di 30.000 soldati nei prossimi giorni in Norvegia.

• Leggi anche: L’invasione russa: una richiesta di aiuto per difendere l’Artico

• Leggi anche: La Russia può attaccare il Canada dal Polo Nord?

Il deputato conservatore Pierre Paul Hoss ha protestato: “È assurdo”. È la prova del nostro disimpegno al Nord. »

Questo grande raduno militare chiamato Cold Response si svolge ogni due anni. Quest’anno riunirà più di 30.000 soldati provenienti da 23 paesi della NATO e molti osservatori.

In passato, il Canada ha inviato grandi delegazioni alla fredda risposta: 500 soldati nel 2012 e quasi 400 nel 2016, ricorda Paul Hoss. Lui stesso è un ex soldato, e spiega che questo tipo di esercitazione è necessaria per garantire che tutti i membri della NATO si capiscano e imparino a coordinarsi.

Altri allenamenti in corso

L’obiettivo è “aumentare l’interoperabilità a livello tattico, operativo e strategico”, afferma il ministero delle Comunicazioni della Difesa, che spiega la priorità delle esercitazioni che coinvolgono le forze “se necessario”.

Il dipartimento afferma che il Canada ha inviato 2.000 membri del personale ad altre esercitazioni NATO in Norvegia nel 2018 e 400 in questi giorni ad altre esercitazioni in Alaska insieme alle forze armate statunitensi.

Ma il signor Paul Hoss è preoccupato per l’immagine che stiamo inviando ai nostri alleati ignorando le più importanti esercitazioni della NATO nel nord.

“Per un grande paese scandinavo come il Canada dare un enorme schiaffo in faccia ai nostri alleati”, ha detto.

READ  The sacrilege trial begins over LGBT rainbow placement on a Polish icon

“Il Nord è il nostro territorio e dipendiamo dai nostri vicini per difenderci”, lamenta un ex ufficiale della Marina con cui ha parlato Giornale A condizione di anonimato.

mancanza di personale

Sottolinea che oltre alla mancanza di attrezzature per coprire completamente questa difficile zona, l’esercito soffre di una carenza di personale, un problema che è stato esacerbato dagli scandali degli ultimi mesi che hanno colpito lo stato maggiore.

La risposta fredda è stata pianificata per mesi. Quindi l’esercizio non ha nulla a che fare con la guerra in corso in Ucraina.

Ma l’esercito russo ha indicato, subito dopo aver lanciato l’invasione, che non avrebbe, come al solito, partecipato come osservatore del dispiegamento.

Invece, ha iniziato la sua formazione nel settore.

Esercizio di risposta a freddo in breve

  • Chi è il : 30.000 soldati provenienti da 27 paesi in Europa e Nord America via terra, mare e aria
  • o: Norvegia e mari circostanti
  • quando : marzo e aprile
  • Come mai : Preparare gli alleati a lavorare insieme nelle condizioni del nord

Fonti: NATO e Forze armate norvegesi

La Russia al nord per difendere i suoi interessi

L’Artico rappresenta il futuro economico della Russia. Ecco perché Vladimir Putin sta ammassando lì un terzo delle sue forze nucleari: lì difende le risorse naturali e le rotte marittime strategiche.

L’economia russa dipende dal petrolio e dal gas e la maggior parte dei giacimenti tradizionali nel sud del paese si stanno esaurendo. “Quello che la Russia ha lasciato nell’Artico”, afferma Rebecca Pincus dell’US Naval War College di Rhode Island.

READ  Ucraina | La Russia si prepara a un'offensiva che ha coinvolto fino a 175.000 uomini

Il professor Pincus afferma che queste risorse sono sempre più accessibili a causa del riscaldamento globale. Il mese scorso, l’Artico era globalmente 4°C più caldo rispetto al febbraio 1980.

rotte marittime

Lo scioglimento dei ghiacci apre anche nuove rotte marittime: il Northwest Passage, lungo la costa canadese, e il Northeast Passage, lungo la costa russa, oltre al Transpolair Pass.

Questa linea retta, chiamata anche corsia centrale, per ora è bloccata, ma la Cina prevede che sarà libera entro l’estate entro il 2050.

Grazie a queste tre nuove rotte marittime, il trasporto tra Asia ed Europa dovrebbe essere ridotto di due o tre settimane rispetto all’attuale rotta che fa affidamento sul Canale di Suez.

Ammassando le forze nella regione, Mosca assicura il controllo del traffico lungo questi corridoi. Quindi la sua presenza è difensiva a prima vista.

“Ma è la Russia”, respira la signora Pincus. Se allargano le loro forze senza attaccare l’Ucraina, non c’è motivo di preoccuparsi, ma ora non possiamo ignorare ciò che sta accadendo. »

Sviluppo nord

Per Andrea Sharon, del Center for Defense and Security Studies dell’Università del Manitoba, il Canada deve assicurarsi di avere forti comunità del nord per resistere ai russi.

“Costruire infrastrutture nel nord è molto costoso per uso individuale, sia esso militare o civile”, dice. Sottolinea che l’accesso a Internet ad alta velocità, all’alloggio e ai servizi sanitari andrà a beneficio di tutti e consentirà l’occupazione dell’area.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.