I repubblicani sono amnesici e codardi | Rivista del Quebec

Con Donald Trump sconfitto e fuori dalla Casa Bianca, il Partito Repubblicano ha approfittato del contesto appropriato per prendere le distanze dagli estremisti che facevano parte della sua base.

Nessuno era così credulone da credere che sarebbe stata eseguita una vera pulizia, ma ci si poteva ragionevolmente aspettare che certe parole e azioni fossero condannate. Per alcuni giorni, Mitch McConnell e alcuni altri senatori repubblicani hanno sostenuto che Trump non poteva essere separato dall’attacco a Capitol Hill e che parte della responsabilità spetta a lui.

Se c’era un barlume di speranza per chi voleva ripristinare un minimo di decenza e rispetto per le istituzioni democratiche, allora ieri è stato molto crudele. Molti legislatori alla Camera dei Rappresentanti hanno dimenticato cosa è successo il 6 gennaio e hanno ricordato che tra tanti pazzi, alcuni hanno votato per loro. Questa rivolta infondata ha causato cinque vite? Non sembra sufficiente a scuotere l’assenza di condanne.

Hai letto come me, 45 senatori repubblicani si sono espressi contro lo svolgimento del processo per l’impeachment di Donald Trump. Non erano tenuti a votare per rimuoverlo, solo per consentire il processo. Se non avessi anticipato le dimissioni del presidente uscente, mi sarei almeno aspettato che riconoscessimo simbolicamente la gravità delle sue azioni, e soprattutto delle sue parole.

Se leggi gli articoli sul voto al Senato, noterai che molti repubblicani si dimenticano nella Costituzione per interpretare il loro voto. Donald Trump non è più presidente, non può essere messo sotto accusa e l’esercizio è inutile.

veramente? Sebbene non ci siano precedenti per un presidente, c’è un precedente per altri, come illustra il caso del Segretario alla Difesa William Belknap. Vorrei notare di sfuggita che le procedure di impeachment non sono limitate al solo presidente.

READ  Maglev train: China launches prototype that can reach speeds of 620 kilometers per hour

Con i Democratici che ora detengono la maggioranza al Senato e si uniscono a cinque Repubblicani, ci sarà già un processo al Senato per mettere sotto accusa Donald Trump.

Sappiamo ufficialmente, da ieri, che Trump non sarà incriminato, poiché 17 repubblicani dovranno unirsi ai 50 democratici e questo scenario deve concretizzarsi. È un pessimo messaggio quello che inviamo.

Possiamo mentire spudoratamente, abusare della disinformazione, fare pressioni sul governatore per invertire i risultati delle elezioni e incitare i manifestanti ad attaccare i funzionari eletti senza punizione. Cosa possiamo incolpare per ora dei successori di Trump? Niente.

In attesa del proseguimento degli eventi e delle battaglie interne che non mancheranno tra i repubblicani, c’è un’ultima opzione per i funzionari eletti per salvare la faccia assicurandosi che 45 azioni siano condannate.e Presidente senza rimuoverlo. Ne ho parlato in questo post dell’8 gennaio. Questo è un movimento di colpa.

Il movimento di colpa è solo simbolico, ma almeno garantiamo che la natura odiosa di un comportamento inaccettabile sia registrata nella storia. Joe Biden ha condotto una campagna sul tema del Soul Country; Presto scopriremo se i repubblicani al Senato ne hanno uno. Spesso è necessario sacrificare molto per ottenere la vittoria, ma arriveremo al punto di sacrificare gli ideali democratici?

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *