I dinosauri sono stati vittime dell’ondata di freddo prima del colpo di grazia

Molto prima dell’impatto dell’asteroide terminato 65 milioni di anni fa, i dinosauri erano già in declino, vittime del raffreddamento del clima del pianeta, secondo uno studio pubblicato martedì.

La responsabilità dell’oggetto extraterrestre per la sua scomparsa è stata un consenso all’interno della comunità scientifica, sin dalla scoperta del gigantesco cratere da impatto, nel 1980 in Messico.

La collisione ha causato un’onda d’urto tale che la Terra è stata ricoperta da una nuvola di polvere e gas, sconvolgendo il clima e cancellando permanentemente tre quarti delle specie, compresi i dinosauri non aviari, dalla mappa.

Ma i paleontologi stanno discutendo se questa estinzione di massa sia avvenuta improvvisamente o se il meteorite abbia appena dato il colpo di grazia a un gruppo già in difficoltà.

“È un dibattito tra antagonisti”, ha detto all’AFP il biologo Fabian Kondamine, autore dello studio pubblicato su Nature Communications.

Perché i dati non sono sufficientemente robusti per convalidare un’ipotesi piuttosto che un’altra: “La documentazione fossile (ossa di dinosauro, ndr) è incompleta, in cattivo stato di conservazione, alcune regioni geografiche come i tropici sono scarsamente rappresentate e i periodi di tempo sono meglio informato di altri. … ”, ha sviluppato il ricercatore del CNRS presso l’Istituto di Scienze Evoluzionistiche di Montpellier.

– 1600 fossili –

Per correggere questi pregiudizi, il ricercatore e il suo team franco-anglo-canadese hanno utilizzato un nuovo metodo di modellazione statistica, chiamato bayesiano, che calcola le probabilità delle cause dall’osservazione di elementi noti.

Hanno selezionato 1.600 fossili appartenenti a sei famiglie di dinosauri, tra cui l’iconico tirannosauro, triceratopo e adrosauro, per i quali “Jurassic Park” è meglio conosciuto.

Tre famiglie di erbivori e tre di carnivori sono ricche di 247 specie. Ad ogni fossile viene assegnato un codice che permette di risalire alle diagnosi successive che gli scienziati hanno fatto dalla loro scoperta.

READ  Lo sviluppo di Halo Infinite è quasi completo

Grâce à leur model, les chercheurs ont pu estimer un âge d’apparition et d’extinction pour chacune des espèces, sur une période allant de 145 million d’années, à la fin du Crétacé’u an à né 66 million d Disaster.

Il risultato: “Vediamo un picco di diversità 76 milioni di anni fa, con un alto tasso di formazione di nuove specie. Poi, un lento declino”, spiega Fabian Condamine.

Così, in un colossale periodo di 10 milioni di anni – molto più lungo dell’era della razza umana – il numero di specie di dinosauri è diminuito, da una cinquantina a meno di venti 66 milioni di anni.

I ricercatori hanno confrontato queste statistiche con dati ambientali già noti e indiscutibili (climatici, marini, geologici, ecc.).

– Diminuisce da 7 a 8 gradi –

I risultati hanno mostrato una perfetta correlazione con le curve climatiche: «Più alto è il tasso di scomparsa delle specie, nello specchio, più basse sono le temperature», ha spiegato l’esperto di macroevoluzione.

Questo significativo raffreddamento, che ha fatto perdere alla Terra 7-8 gradi, inizia a “accumularsi” nello stesso momento in cui i dinosauri si ritirano.

“Allora faceva molto più caldo e oggi c’erano palme e foreste di mangrovie nello stretto di Bering” tra la Siberia e l’Alaska, spiega Fabian Kondamine.

Tuttavia, questi giganti non sono in grado di produrre il proprio calore corporeo, come fanno gli umani. Dipendevano troppo dal loro ambiente per il cibo, il movimento, la riproduzione… quindi il loro metabolismo non era in grado di adattarsi al cambiamento.

Un’altra variabile fondamentale: le prime sparizioni hanno interessato gli erbivori, circa due milioni di anni prima dei carnivori.

READ  Facebook introduce i giochi per cellulare Ubisoft

Lo studio suggerisce che la scarsità di erbivori, preda dei carnivori, potrebbe avere ecosistemi sbilanciati e portare a successive estinzioni tra le altre famiglie di dinosauri.

In questo contesto, un meteorite con un diametro di 12 km ha colpito la Terra. Già indebolito, il dominio dei giganti non poteva riprendersi da questa catastrofe, a differenza di alcuni piccoli mammiferi.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *