Ha preso di mira Trump chiedendo che la sua libertà di espressione fosse limitata prima del processo

Ha preso di mira Trump chiedendo che la sua libertà di espressione fosse limitata prima del processo

Il procuratore speciale americano che accusa Donald Trump ha chiesto a un giudice di limitare la libertà di parola dell’ex presidente prima del processo federale per i suoi tentativi di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020.

• Leggi anche: Truffa telefonica: una stazione radio di Montreal riesce a intrappolare Donald Trump al telefono

• Leggi anche: Putin descrive i problemi legali di Trump come “persecuzione politica”

• Leggi anche: La Casa Bianca afferma che Joe Biden “non ha fatto nulla di male”, affrontando un’inchiesta di impeachment repubblicana

Secondo il procuratore generale Jack Smith, le ripetute critiche di Donald Trump al Dipartimento di Giustizia, ai residenti di Washington e al giudice incaricato del caso, Tanya Chutkan, potrebbero ostacolare la corretta amministrazione della giustizia.

“Quindi sto facendo una campagna per diventare presidente… e non mi è permesso parlare?” Stanno facendo trapelare informazioni, mentono, fanno causa e non vogliono che io parli? ‘” Donald Trump ha risposto rapidamente sulla sua piattaforma Social Truth.

L’accusa ha affermato che i commenti dell’ex presidente “potrebbero avere un impatto significativo sulla popolazione da cui verrà selezionata la giuria (del processo), influenzando allo stesso tempo le dichiarazioni dei testimoni”.

Jack Smith aggiunge nel documento del tribunale che chiunque legga o ascolti le dichiarazioni di Trump “potrebbe ragionevolmente temere di essere il prossimo obiettivo degli attacchi dell’imputato”.

Il processo a Donald Trump in questo caso dovrebbe iniziare il 4 marzo, cioè il giorno prima del “Super Tuesday”, che è una delle scadenze più importanti delle elezioni primarie repubblicane in cui è considerato il candidato più probabile.

Fino ad allora, il signor Smith vuole che al miliardario repubblicano sia proibito rilasciare qualsiasi dichiarazione offensiva o intimidatoria nei confronti di chiunque nominato nel caso o che potrebbe essere nominato nel caso, e di non rilasciare alcuna dichiarazione sui futuri testimoni.

READ  L'impresario di pompe funebri vendeva illegalmente feste

Donald Trump ha anche accusato il giudice Tanya Chutkan di “odiarlo” e ha descritto l’ufficio del procuratore distrettuale come una “squadra di delinquenti”. Tuttavia, secondo lo stesso team, questi commenti si sono trasformati in minacce molto reali, ed “è chiaro che queste minacce provengono dalle parole costantemente ripetute degli imputati”.

A metà agosto, una donna è stata arrestata in Texas con l’accusa di aver minacciato di morte la signora Chutkan, che non aveva ancora risposto alla richiesta del signor Smith di limitare i commenti di Donald Trump prima del processo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *