Guerre e polarizzazione politica La democrazia sta soffrendo in tutto il mondo

Guerre e polarizzazione politica  La democrazia sta soffrendo in tutto il mondo

(Parigi) Gli standard democratici in tutto il mondo diminuiranno nel 2023 a causa della diffusione di guerre, pratiche autoritarie e del calo del livello di fiducia nei partiti politici tradizionali, secondo uno studio del gruppo Economist Intelligence Unit (EIU) pubblicato giovedì. .


Con altri due paesi, Paraguay e Papua Nuova Guinea, classificati come democrazie nel 2023, la media globale dell’indice è scesa a 5,23 su 10, da 5,29 dell’anno precedente, il livello più basso dalla pubblicazione del primo studio nel 2006.

“Questo deterioramento dello stato della democrazia nel mondo è dovuto principalmente a sviluppi negativi nei paesi non democratici, come il ritorno di conflitti violenti e azioni autoritarie”, osserva il rapporto.

Dei 74 paesi (su 167 studiati) considerati democrazie, solo 24, che rappresentano appena il 7,8% della popolazione mondiale, si qualificano come “democrazie complete”, ovvero “paesi in cui le libertà politiche e civili fondamentali non sono solo rispettate, ma anche fondamentali”. libertà politiche e civili. Tendono inoltre ad essere sostenuti da una cultura politica favorevole allo sviluppo dei cittadini.

Gli altri 50, dagli Stati Uniti a Israele passando per Brasile e Thailandia, appartengono a “democrazie fallite”, dove “si organizzano anche elezioni libere ed eque e, anche se ci sono problemi (come violazioni della libertà dei media), i diritti civili fondamentali vengono mantenuti”. Le libertà sono rispettate”, secondo l’Economist Intelligence Unit.

Paraguay e Papua Nuova Guinea si sono uniti quest'anno a questa seconda categoria.

Altri paesi sono divisi tra un “regime ibrido” e un “regime autoritario”, secondo un indice calcolato sulla base di cinque criteri: processi elettorali e pluralismo, performance del governo, partecipazione politica, cultura politica e libertà civili.

READ  Washington avverte la Cina di un attacco a Taiwan

Il Niger, perde 29 posizioni (141H Centro), Gabon (-28, 146H), sono i due paesi che hanno subito i maggiori cali nella classifica. Entrambi vedranno un colpo di stato nel 2023.

L’Europa occidentale è l’unica regione il cui punteggio è migliorato, “superando così il Nord America”, che non figura in cima alla classifica “per la prima volta da quando l’indice è stato creato nel 2006”.

Il rapporto analizza che sempre più paesi si trovano ad affrontare “un calo di fiducia nei partiti politici e nei principali leader politici” e stanno soccombendo a “guerre culturali” del tipo che caratterizzano da tempo gli Stati Uniti.

L’Europa occidentale, da parte sua, sarebbe “minata dai bassi livelli di fiducia nel governo e dalla polarizzazione attorno alla questione dell’immigrazione”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *