Gran Bretagna: le sanzioni alla Russia possono essere revocate pacificamente

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha dichiarato sabato che le sanzioni britanniche imposte alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina potrebbero essere revocate se Mosca accettasse un cessate il fuoco completo e ritirasse le sue forze.

• Leggi anche: Joe Biden chiama Vladimir Putin un “macellaio”

• Leggi anche: L’Ucraina afferma di aver ripreso il controllo di una città del nord-est dai russi

• Leggi anche: I russi hanno occupato la città dove vivono le persone di Chernobyl, secondo Kiev

In una lunga intervista, la signora Truss ha chiarito che il Cremlino dovrebbe anche impegnarsi a non commettere ulteriori aggressioni contro l’Ucraina fino a quando le sanzioni contro centinaia di personalità ed entità russe non saranno revocate.

Insieme ad altri paesi occidentali, il Regno Unito ha imposto sanzioni a oltre 1.000 persone e società russe o bielorusse nelle ultime settimane, l’ultima arrivata due giorni fa.

“Le sanzioni possono essere revocate solo con un cessate il fuoco completo e il ritiro (delle truppe), ma anche con l’impegno a non commettere ulteriori aggressioni” contro l’Ucraina, ha detto la signora Truss al quotidiano domenicale. Telegraph, rilevando che queste sanzioni possono essere reimposte in caso di un nuovo attacco.

Questi commenti fanno eco a quelli del segretario di Stato americano Anthony Blinken, indicando che le sanzioni contro la Russia “non erano progettate per essere permanenti” e potrebbero scomparire se Mosca cambiasse idea.

Il ministro britannico ha anche indicato di aver istituito un’unità specializzata nei negoziati all’interno del suo ministero per assistere l’Ucraina nei suoi colloqui con la Russia.

Ma ha avvertito che sarebbe stato utile solo se i “russi” fossero stati “seri” nella loro disponibilità a negoziare.

READ  Il regista trasformato in fattorino muore in un incidente

“Non penso che siano seri ora ed è per questo che ho detto che devi essere duro per ottenere la pace”, ha aggiunto.

Ha sottolineato che è quindi necessario “raddoppiare le sanzioni” e “raddoppiare le armi che stiamo inviando all’Ucraina”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.