Gli ucraini sfidano la potenza navale russa

Scontri per un’isola strategica, l’affondamento di una nave russa, il tiro di piattaforme di gas, la risposta alla zona costiera … La battaglia si intensifica nel Mar Nero al largo delle coste dell’Ucraina, che sta sfidando la potenza navale russa lì.

• Leggi anche: diretto | Giorno 119 della guerra in Ucraina

• Leggi anche: Russia: aereo militare precipita vicino al confine con l’Ucraina

• Leggi anche: I russi rafforzano la presa su Snake Island

Nel giro di pochi giorni, secondo belligeranti e osservatori del conflitto, gli eventi sono accelerati, in particolare intorno a Serpent Island, un’isola strategica dell’Ucraina.

“Si sta chiaramente intensificando con le azioni da entrambe le parti”, riassume un esperto militare occidentale, dopo quasi quattro mesi di guerra durante i quali la Russia non è riuscita a stabilire la sua egemonia in mare.

Questa rinnovata attività è particolarmente associata al loro uso di armi occidentali come i missili anti-nave Harpoon lanciati dalla costa. Ma fu un altro missile antinave, l’ucraino Neptune, che affondò l’incrociatore Moskva, l’ammiraglia della flotta russa del Mar Nero, ad aprile.

Questo brillante colpo di stato fu un vero disprezzo per gli ucraini, che dall’inizio della guerra riuscirono a santificare le coste da loro controllate – sia ad ovest di Kherson (sud) – grazie a batterie di terra, droni e mine.

Oggi “siamo in una nuova fase della guerra, nel senso che l’Ucraina ha nuove armi occidentali, come gli arpioni o (missili aria-superficie) Brimstone. Possono iniziare a sfidare la Marina russa, che dovrebbe essere meno audace.

Plusieurs expert interrogagés par l’AFP et le ministère britannique de la Défense se sont ainsi fait l’écho de la revendication par l’Ucraina de la distruzione d’un navire de soutien russe près de l’île des Serpents avec, un missile Harpoon la settimana scorsa.

READ  Russia | Altri media indipendenti hanno dichiarato un "agente straniero"

Lunedì, le forze di Kiev hanno bombardato un impianto di gas il cui incendio è stato rilevato tramite il sito della NASA, sempre utilizzando Harpoon. Questi sono “ovviamente quelli che trasportano gli olandesi oi danesi”, ha detto l’esperto militare occidentale. Anche gli Stati Uniti ne hanno promesso alcuni, ma probabilmente non sono ancora arrivati, dice.

I russi hanno dichiarato, martedì, di aver distrutto un gran numero di droni durante un attacco nemico a Snake Island, alla luce di un progetto di atterraggio che doveva essere abbandonato.

Le immagini satellitari consultate da esperti mostrano la devastazione lì. Ulteriori attacchi e attacchi sono già stati registrati su questa strategica isola ucraina, che fu catturata dai russi all’inizio della guerra.

“Ci sono prove che l’isola sia stata attaccata, ma non che gli ucraini volessero sbarcare”, identifica H.I. Sutton, il quale osserva che “l’Ucraina ora può bombardarla con l’artiglieria, il che significa che non hanno bisogno di tentare di atterrare”.

Gli occidentali hanno già fornito a Kiev cannoni da 155 mm, alcuni dei quali possono colpire l’isola, in particolare i lanciatori guidati HIMARS, che dovrebbero arrivare da un momento all’altro, e che hanno una portata maggiore.

Mentre la guerra di terra è stata ampiamente documentata dai combattenti e dai loro sostenitori tramite i social media, la guerra navale si svolge in un relativo silenzio. Le informazioni tornano in particolare grazie alle immagini satellitari, a ciò che annunciano i belligeranti oa ciò che altri governi che monitorano la regione vorrebbero rivelare.

I russi, dal canto loro, stanno cercando di colpire con missili le risorse costiere ucraine. Ad esempio, hanno preso di mira i droni Bariktar turchi. “C’è stato un raid a Odessa, come si può vedere dalle immagini satellitari. Hanno colpito gli hangar, ma non ci sono prove evidenti di danni significativi”, afferma Hay Sutton.

READ  Infrastrutture e riforme sociali | Nove democratici minacciano di bloccare i piani di Biden

Ora, “la capacità di difesa costiera ucraina ha ampiamente neutralizzato la capacità russa di prendere il controllo navale e lanciare le sue forze nel Mar Nero nord-occidentale”, osserva il Ministero della Difesa britannico.

Gli ucraini non si sentono in grado di rompere il blocco russo, ma “è importante scoraggiare uno sbarco russo, soprattutto perché non sappiamo come Mosca voglia gestire la questione della Transnistria”, questa enclave separatista filo-russa nella vicina Moldova. Cosa che potrebbero essere tentati di fare all’incrocio della costa ucraina, assicura H.I. Sutton.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.