Gli Stati Uniti mettono la Russia nella lista nera della libertà religiosa

(Washington) Gli Stati Uniti hanno annunciato mercoledì di aver aggiunto la Russia alla lista nera dei Paesi di “particolare interesse” per quanto riguarda la libertà religiosa.


D’altra parte, la Nigeria, che era in questa lista l’anno scorso, è stata rimossa dalla lista, secondo una dichiarazione rilasciata dal capo diplomatico statunitense Anthony Blinken che dovrebbe visitare questo paese africano questa settimana.

Gli altri Paesi designati per “commettere o tollerare violazioni gravi, sistematiche e persistenti della libertà religiosa” sono gli stessi nel 2020: Arabia Saudita, Birmania, Cina, Corea del Nord, Eritrea, Iran, Pakistan, Tagikistan e Turkmenistan.

Algeria, Comore, Cuba e Nicaragua sono stati inseriti nell’elenco intermedio dei paesi “osservatori”.

“Gli Stati Uniti non vacilleranno mai nel loro impegno a difendere la libertà di religione o di credo per tutti e in ogni Paese”, ha affermato Anthony Blinken. “In molti luoghi del mondo, vediamo ancora i governi molestare, arrestare, minacciare, detenere e uccidere le persone solo per voler vivere la propria vita secondo le proprie convinzioni”.

Nella sua dichiarazione alla stampa, il ministro non ha specificato di cosa siano accusati i paesi nella lista nera. Ma le sue designazioni si basano sul rapporto annuale sulla libertà religiosa preparato dalle sue agenzie.

legge sull’estremismo

L’ultima versione, pubblicata a maggio, riguardante la Russia, rileva “l’abuso da parte del governo della legge sull’estremismo per limitare le attività pacifiche delle minoranze religiose”. Menziona in particolare le “persecuzioni” contro i testimoni di Geova.

“Le organizzazioni religiose e le ONG hanno riferito che le autorità hanno continuato a indagare, arrestare, imprigionare, torturare e/o abusare fisicamente di persone, o sequestrare le loro proprietà, a causa del loro credo religioso, inclusi membri di gruppi che il governo ha designato come estremisti e banditi, inclusi i Testimoni di Geova e il movimento The Islamic Liberation Party, secondo questo rapporto.

READ  Razzismo 2.0 | Rivista di Montreal

Il numero di prigionieri politici è aumentato notevolmente quest’anno in Russia, ha dichiarato l’organizzazione russa per i diritti umani Memorial in ottobre, con il movimento dei Testimoni di Geova in particolare nel mirino delle autorità.

La Russia era nella lista di controllo degli Stati Uniti l’anno precedente.

Il suo inserimento nella lista nera arriva in un momento in cui i temi della tensione tra Washington e Mosca si stanno nuovamente moltiplicando, nonostante il desiderio di calma manifestato dai presidenti Joe Biden e Vladimir Putin durante il vertice di giugno a Ginevra.

Nei giorni scorsi gli Stati Uniti hanno messo in guardia la Russia sui movimenti militari al confine ucraino e sulla sua “influenza” con la Bielorussia nella crisi dei migranti alle porte dell’Unione Europea, e hanno condannato fermamente il lancio di missili antisatellite russi come “pericolosi e irresponsabile.”

Il presidente Biden è stato anche molto critico nei confronti dell’assenza della sua controparte russa dalla COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sul clima, mentre le due potenze rivali, le cui relazioni sono ai livelli più bassi dalla fine della Guerra Fredda, continuano a discutere del personale nei rispettivi ambasciate. Dopo diverse ondate di espulsione di diplomatici.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *