Gli immigrati canadesi chiedono lo status permanente per tutti

Diverse proteste hanno avuto luogo in Canada domenica, Giornata mondiale del rifugiato, per chiedere lo status permanente di tutti gli immigrati canadesi, compresi gli immigrati illegali.

Rifugiati, studenti, lavoratori e immigrati privi di documenti hanno partecipato a manifestazioni e manifestazioni a Vancouver, Winnipeg, Sudbury e Toronto.

“È passato un anno da quando abbiamo lanciato la nostra richiesta per uno status di immigrazione pieno e permanente per tutti e abbiamo spinto il governo federale a creare percorsi di immigrazione che hanno portato a uno status. Ma la stragrande maggioranza delle persone della classe operaia, le persone che soffrono di razzismo e soprattutto gli immigrati clandestini sono esclusi dallo status di residenza permanente.Di conseguenza, siamo senza sostegno al reddito, senza diritto al lavoro e persino senza accesso all’assistenza sanitaria in caso di pandemia”, ha affermato l’Immigrant Rights Network in un comunicato stampa.

I manifestanti ritengono che le misure adottate da Ottawa per sostenere l’arrivo dei profughi nel Paese siano insufficienti.

“Siamo qui per chiedere al primo ministro Trudeau di mantenere le sue promesse e di mettere in atto un piano per garantire a tutti lo status di residenza permanente nel paese”, ha affermato Veronica, un’attivista del rally di Toronto.

Sarum Rowe, organizzatore della Migrant Workers Coalition for Change a Toronto, ha insistito sul fatto che “nel 2020 il Canada ha chiuso la porta e ha accolto la metà del numero di rifugiati rispetto all’anno precedente”.

Venerdì Ottawa ha annunciato una serie di iniziative per aprire le porte a più rifugiati, inclusa l’espansione del progetto pilota Economic Mobility Pathways per portare circa 500 rifugiati qualificati e le loro famiglie.

“Il paese sta raddoppiando i suoi sforzi per aiutare più rifugiati e richiedenti asilo a trovare rifugio in Canada, sia implementando nuove iniziative per aiutare le famiglie yazidi a venire nel paese, esercitando il suo ruolo di leadership nelle organizzazioni internazionali o aiutando altri paesi a replicare un Canada di successo Il ministro per l’immigrazione, i rifugiati e la cittadinanza, Marco Mendicino, in un comunicato in occasione della Giornata mondiale del rifugiato.

READ  Birmania: Suu Kyi è accusato e si moltiplicano gli appelli alla disobbedienza civile

“Durante la pandemia, il Canada è stato uno dei pochi paesi che ha costantemente reinsediato i rifugiati bisognosi di assistenza urgente. Sebbene altri stiano chiudendo i battenti, noi stiamo lasciando il nostro aperto. Nel 2020, abbiamo accolto quasi la metà dei rifugiati reinsediati in il mondo intero “.

Ricordiamo che molte organizzazioni cammineranno da Montreal a Ottawa dal 18 al 25 luglio per richiedere al Primo Ministro canadese lo status di all-in.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *