Gli alleati di Trump pongono nuovamente il veto sugli aiuti all’Ucraina

Gli alleati di Trump pongono nuovamente il veto sugli aiuti all’Ucraina

Martedì il Senato degli Stati Uniti ha approvato una nuova busta che stanzia 95 miliardi di dollari a Ucraina, Israele e Taiwan, ma la sua adozione finale dipende ancora dalla buona fede dei sostenitori di Donald Trump alla Camera dei Rappresentanti, che rifiutano lo status quo.

• Leggi anche: Trump incoraggerà la Russia ad attaccare i paesi deboli della NATO

• Leggi anche: Occidente contro Russia: vincerà Putin?

“Non possiamo più aspettare”, ha esortato Joe Biden, invitando i repubblicani alla Camera dei rappresentanti al Congresso ad approvare il testo “rapidamente”.

Nel bel mezzo dell’anno elettorale, la questione si è trasformata in uno scontro tra il presidente democratico e il suo rivale repubblicano, Donald Trump, due candidati che dovrebbero affrontarsi nuovamente a novembre.

Joe Biden chiede urgentemente l’approvazione per stanziare 60 miliardi di dollari a favore dell’Ucraina, che è in guerra con la Russia da quasi due anni. Questa richiesta è stata accompagnata da un altro importo di 14 miliardi di dollari a Israele e da fondi a Taiwan.

“Se non ci opponiamo ai tiranni che cercano di occupare o dividere le terre dei loro vicini, le conseguenze per la sicurezza nazionale americana saranno disastrose”, ha avvertito nuovamente martedì.

L’ex presidente Donald Trump si è opposto al pacchetto discusso al Congresso degli Stati Uniti, affermando che gli Stati Uniti dovrebbero “smettere di fornire denaro senza speranza di compensazione”. Sostiene che, se rieletto a novembre, risolverebbe la guerra tra Russia e Ucraina “entro 24 ore” – senza spiegare come.

Pioggia di critiche

Tuttavia, in questi negoziati al Congresso, è lui ad avere l’ultima parola: senza il sostegno dei repubblicani, la maggioranza della Camera dei Rappresentanti e in gran parte fedeli a Donald Trump, il testo non potrà andare da nessuna parte.

READ  La Casa Bianca dice che Biden non ha intenzione di andare in Ucraina

Lunedì sera Mike Johnson, il leader repubblicano alla Camera dei Rappresentanti, ha annunciato il suo rifiuto di esaminare il testo, rendendo quasi impossibile lo svolgimento di una votazione.

Il leader repubblicano ha criticato il disegno di legge perché “tace sulla questione più urgente che il nostro Paese deve affrontare”, ovvero la crisi dell'immigrazione al confine tra Stati Uniti e Messico.

I conservatori, infatti, subordinano i nuovi aiuti a Kiev all'inasprimento della politica di immigrazione che chiedono da tempo. Un primo testo è stato presentato al Senato che prevedeva il rafforzamento dei controlli alle frontiere, ma è stato respinto dai repubblicani, che non lo hanno ritenuto sufficientemente fermo.

“Come suggerito da Trump”

Tuttavia, martedì il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha accolto con favore l’adozione del testo al Senato e si è detto “grato” ai senatori statunitensi.

“Per noi, in Ucraina, i continui aiuti degli Stati Uniti aiutano a salvare vite umane dal terrorismo russo” mentre “lottiamo per la libertà e la democrazia”, ha dichiarato su X, precedentemente noto come Twitter.

Da questo testo negoziato al Congresso dipende la ripresa degli aiuti militari all’Ucraina, interrotti dalla fine di dicembre.

I democratici, in stragrande maggioranza, lo sostengono. I repubblicani sono divisi tra i falchi interventisti, che sostengono l’Ucraina, e gli accoliti di Donald Trump, che sono più isolazionisti.

Tra i molti altri esempi della schiacciante influenza del candidato repubblicano sulle sue forze al Congresso: il senatore Lindsey Graham, finora uno dei primi sostenitori repubblicani degli aiuti all'Ucraina, ha annunciato lunedì sera che alla fine si sarebbe opposto all'adozione della nuova legge. tranche di aiuti, preferendo invece un sistema di prestiti… “come suggerito dal presidente Trump”.

READ  L'Ucraina sostiene di aver colpito il sistema di difesa aerea russo in Crimea

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *