Gli alleati di Trump al Congresso pongono nuovamente il veto sugli aiuti all’Ucraina

Gli alleati di Trump al Congresso pongono nuovamente il veto sugli aiuti all’Ucraina

(Washington) – Gli alleati di Trump alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti hanno dato un'altra battuta d'arresto ai sostenitori degli aiuti all'Ucraina, avendo precedentemente annunciato il loro rifiuto di prendere in considerazione la legislazione che il Senato degli Stati Uniti potrebbe adottare martedì con l'obiettivo di fornire una nuova dotazione per Kiev.


Democratici e repubblicani sono divisi da mesi al Congresso americano sulla questione degli aiuti all'Ucraina, alleata degli Stati Uniti, in guerra con la Russia da quasi due anni.

I democratici, in stragrande maggioranza, lo sostengono.

I repubblicani sono divisi tra i falchi interventisti, che sostengono l’Ucraina, e gli accoliti di Donald Trump, che sono più isolazionisti.

Nel bel mezzo della campagna presidenziale, l’equazione si è trasformata in uno scontro di vasta portata tra il presidente Joe Biden, che chiede urgentemente nuovi soldi, e Donald Trump, il quale sostiene che se sarà rieletto a novembre, sistemerà la situazione giù. Guerra tra Russia e Ucraina “in 24 ore” – senza spiegare come.

“Un problema più urgente”

Quindi chi se ne frega se il presidente democratico sostiene il disegno di legge o se ha esortato il Congresso ad “adottarlo rapidamente”. In questi negoziati, l'ultima parola spetta al suo predecessore e potenziale rivale alle elezioni presidenziali.

A dire il vero, il Senato, che ha una maggioranza democratica, ha compiuto diversi passi verso l’adozione di un testo che combina 60 miliardi di dollari in aiuti per Kiev con soldi per Israele e Taiwan: una busta da 95 miliardi di dollari. Può votare un disegno di legge in tal senso nelle prime ore di martedì.

READ  California | Il governatore Newsom teme di revocare il referendum

Ma senza il sostegno dei repubblicani, della maggioranza della Camera dei Rappresentanti e di molti di loro fedeli a Donald Trump, il testo non potrà andare da nessuna parte.

Lunedì sera Mike Johnson, leader repubblicano alla Camera dei Rappresentanti e fedele a Donald Trump, ha confermato che il testo negoziato dai senatori non sarà esaminato come avviene sulla sua bicicletta.

Mike Johnson in un comunicato ha criticato, riferendosi alla crisi dell'immigrazione al confine americano, che “il disegno di legge sugli aiuti esteri presentato dal Senato tace sul problema più urgente che affligge il nostro Paese”, in riferimento alla crisi dell'immigrazione al confine americano .

In cambio degli aiuti a Kiev, i repubblicani chiedono un forte rafforzamento della politica di immigrazione. Ha sottolineato che “in assenza di qualsiasi emendamento” da parte del Senato sulla questione, “la Camera dei Rappresentanti continuerà a lavorare secondo la sua volontà su queste importanti questioni”.

Mike Johnson, come molti repubblicani al Congresso, sta seguendo la guida di Donald Trump, che sabato ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero “smettere di distribuire denaro senza l'aspettativa di riaverlo indietro”.

Il candidato repubblicano ha anche gettato la chiave nello stagno, affermando che avrebbe “incoraggiato” la Russia ad attaccare i paesi della NATO se non avesse pagato la sua parte, cosa che ha suscitato un torrente di critiche dall'altra parte dell'Atlantico.

“Stiamo aiutando l’Ucraina con più di 100 miliardi di dollari in più rispetto alla NATO”, ha detto lunedì sera Donald Trump sul suo sito web Truth Social. “La NATO deve pareggiare i conti, adesso”, ha chiesto. “Altrimenti sarà l’America prima!” In riferimento alla dottrina isolazionista che ha posto al centro della sua politica estera tra il 2017 e il 2021.

READ  Omicidio di 7 bambini: l'infermiera inglese potrebbe avere altre vittime

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *