Giro d’Italia | La diciassettesima tappa del climber colombiano Santiago Buitrago

(Lavarone) Colombiano 1° al Giro 2022: Santiago Buitrago, scalatore 22enne, vince la 17° garaE La tappa segnata dal calo del portoghese Joao Almeida, mercoledì a Lavarone.

Inserito alle 11:37

Se il divario rimane stretto (3 secondi) tra il portatore della maglia rosa, l’ecuadoriano Richard Carapaz, e il delfino australiano Guy Hindley, Almeida scivola dal terzo al quarto. Il portoghese, che si era fermato un po’ il giorno prima, questa volta è sceso notevolmente e ha perso più di un minuto.

Il corridore del Team UAE ha pagato la ripida salita del Menador, l’ultimo passo di questa tappa di montagna di 168 chilometri, che è costata anche la vittoria di tappa all’olandese Matteo van der Poel, che per molto tempo è riuscito a confrontarsi con gli alpinisti in una giornata di fuga . Ma il “VDP” ha pagato per i suoi sforzi ea 3 km dalla vetta ha scavalcato il suo giovane connazionale Gijs Lemmereize (22) e poi Buitrago.

Per la vittoria di tappa, Buitrago ha superato Leemreize ed è andato vicino al passaggio. Il colombiano di Bogotà, caduto nonostante una caduta durante la tappa, ha tagliato la vetta con qualche secondo di anticipo e ha aumentato il suo vantaggio sulla corsa di 8 km sull’altopiano di Lavarone, a circa 1.200 metri di quota.

“La chiave per vincere oggi è stata la pazienza con la recente scalata. Penso di aver giocato bene”, ha esultato Pietrago, che ha lasciato la Colombia all’età di 20 anni per approdare in Italia nel 2019, dopo aver attraversato Esteban Chaves, riportando ai reclutatori del Team Bahrain.

READ  Antonio Conte vuole "ripristinare la fiducia" che il Tottenham gli ha riposto

Carabas e Hindley in siamese

“Mio padre è sempre stato appassionato di ciclismo, mi portava a guardare le gare e ho iniziato ad amarlo”, ha detto il giovane colombiano, cresciuto a Soba, un sobborgo della capitale colombiana, e ha iniziato a pedalare all’età di 11 anni .

In questo Giro Buitrago era già emerso, come Leemreize, in grado di giocarsi la vittoria nella tappa di Genova (3E). Anche il colombiano faceva parte della Secessione quel giorno (5E) prima di finire secondo domenica nella scalata di Cogne dietro all’italiano Giulio Ciccone.

“Volevo vincere una tappa”, ha insistito oggi il vincitore, che si è guadagnato la fiducia della sua squadra, e ha anche preso parte a un attacco per infiammare il leader Mikel Landa. Se la pressione basca ebbe l’effetto di condannare Almeida, rimase senza conseguenze immediate per Carapaz e Hindley, e sempre sulla sua scia.

Alla fine, Landa ha rinunciato addirittura a 6 secondi per i suoi rivali che hanno sbattuto la linea in uno pseudo appartamento in salita. A differenza dell’Aprica del giorno prima, Carapaz ha sovraperformato Hindley, che sembrava meno fresco dei giorni precedenti. Ma i due, che hanno scandito le parole (“salita difficile”, “tappa difficile”) hanno finito una ruota dopo l’altra.

Giovedì il Giro d’Italia scende in pianura entro le 18E La tappa che collega Borgo Valsugana a Treviso (nordest) ad una distanza di oltre 156 chilometri. Per i corridori, in particolare Arnaud Démare, che ha già vinto tre volte, questa è l’ultima possibilità di brillare.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.