Gaza: secondo le Nazioni Unite la distruzione israeliana con l’obiettivo di creare una “zona cuscinetto” costituisce un “crimine di guerra”.

Gaza: secondo le Nazioni Unite la distruzione israeliana con l’obiettivo di creare una “zona cuscinetto” costituisce un “crimine di guerra”.

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha dichiarato giovedì che la distruzione di edifici nella zona di confine con Israele a Gaza da parte dell'esercito israeliano, con l'obiettivo di creare una “zona cuscinetto”, costituisce un “crimine di guerra”.

• Leggi anche: Hamas propone un piano in tre fasi per il ritiro israeliano da Gaza

• Leggi anche: Gaza: Netanyahu ordina all'esercito israeliano di “prepararsi” per un attacco a Rafah

Volker Türk ha affermato in una nota che “la distruzione mirata a creare una zona cuscinetto per motivi di sicurezza non soddisfa gli standard del (…) diritto umanitario internazionale”.

Ha detto: “Confermo alle autorità israeliane che l'articolo 53 della Quarta Convenzione di Ginevra vieta la distruzione da parte dello Stato occupante di proprietà possedute da privati, a meno che tale distruzione non sia assolutamente necessaria a causa di operazioni militari”.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha sottolineato che “la distruzione massiccia di edifici, non giustificata da necessità militari e effettuata in modo arbitrario (…) costituisce un crimine di guerra”.

Il 7 ottobre, i combattenti del movimento islamico palestinese Hamas hanno attaccato il sud di Israele, uccidendo più di 1.160 persone, la stragrande maggioranza dei quali civili, secondo un conteggio dell’Agence France-Presse basato su dati ufficiali israeliani.

In risposta, Israele ha promesso di “annientare” il gruppo islamico e ha lanciato un attacco che ha ucciso almeno 27.840 persone nei territori palestinesi, secondo il Ministero della Sanità di Hamas.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha inoltre annunciato che da ottobre le sue agenzie hanno registrato “distruzione e demolizione su larga scala di infrastrutture civili da parte dell’esercito (israeliano)”.

READ  La Germania fornirà più di 1 miliardo di euro in aiuti militari all'Ucraina

Questi edifici includono “edifici residenziali, scuole e università in aree dove non ci sono combattimenti o non hanno più luogo”.

Questa distruzione è stata osservata nelle ultime settimane a Beit Hanoun e Gaza City, nel nord dei territori palestinesi assediati, così come nel campo di Nuseirat e Khan Yunis nel sud.

“Israele non ha fornito ragioni convincenti per giustificare questa massiccia distruzione di infrastrutture civili”, ha detto Turk.

Queste operazioni di distruzione sembrano avere “lo scopo o l’effetto di rendere impossibile il ritorno dei civili in queste aree”. Egli ha sottolineato: “Ricordo alle autorità che il trasferimento forzato di civili potrebbe costituire un crimine di guerra”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *