Gaza: i giovani vogliono “uccidere” per porre fine all’“incubo”

Gaza: i giovani vogliono “uccidere” per porre fine all’“incubo”

Un portavoce dell’agenzia delle Nazioni Unite ha detto martedì che le condizioni di vita a Gaza erano tali che i giovani hanno detto all’UNICEF che speravano di “essere uccisi” per porre fine a questo “incubo”.

• Leggi anche: Il leader palestinese di Hamas in visita a Teheran

• Leggi anche: Hamas chiede la fine dei tagli agli aiuti dopo l'uccisione di 18 palestinesi

• Leggi anche: Risoluzione sul “cessate il fuoco” a Gaza: Israele è arrabbiato dopo che l'America si è astenuta dal voto alle Nazioni Unite

Parlando in video da Rafah, il portavoce dell’UNICEF James Elder ha affermato che la situazione a Gaza ha raggiunto “i capitoli più oscuri del mondo” nella storia umana.

“Ieri l'UNICEF si è incontrato con adolescenti, molti dei quali hanno affermato di essere talmente disperati da volere che questo incubo finisse così male (al punto) da sperare che venissero uccisi”, ha detto durante una regolare conferenza stampa delle Nazioni Unite. .

Ha aggiunto: “L’indicibile viene regolarmente raccontato a Gaza”.

La guerra tra Israele e Hamas è scoppiata a seguito di un attacco su larga scala senza precedenti lanciato dal movimento islamico palestinese Hamas il 7 ottobre dalla Striscia di Gaza.

Mentre la Striscia di Gaza, assediata da Israele, vacilla sull’orlo della carestia, sono aumentate le richieste affinché Israele apra più punti di passaggio nei territori palestinesi. Secondo le Nazioni Unite, prima della guerra vi entravano ogni giorno almeno 500 camion, oggi sono circa 150.

Il portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, Jens Laerke, ha osservato durante la conferenza stampa che gli israeliani “hanno il diritto di controllare e ispezionare ogni grammo, ogni litro, ogni chilo di tutto ciò che entra a Gaza”.

READ  Cambio orario: a cosa serve e quando va fatto?

“Ma non possono dire: 'Una volta che gli aiuti arrivano a Gaza, spetta solo a noi prendercene cura'”, ha aggiunto. “Devono creare un ambiente favorevole che ci permetta di fornire aiuti, ” Egli ha detto.

Un portavoce dell'UNICEF ha affermato che tra l'1 e il 22 marzo, un quarto delle 40 missioni di aiuto umanitario nel nord di Gaza sono state respinte.

“C'è un vecchio valico che può essere utilizzato nel nord, a 10 minuti da dove queste persone chiedono cibo. A 10 minuti di distanza. Aprendo questo valico, possiamo porre fine a questa crisi umanitaria in pochi giorni”, ha protestato.

Ha concluso che a Gaza “gli aiuti vitali vengono ostacolati, si perdono vite umane e la dignità viene violata”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *