Furto di criptovaluta | Tre pirati nordcoreani sono stati accusati di aver rubato 1,3 miliardi di dollari

(Washington) Le autorità statunitensi hanno annunciato, mercoledì, un atto d’accusa nei confronti di tre nordcoreani accusati di aver commesso una serie di violazioni per conto di società e istituzioni finanziarie, incluso il settore delle criptovalute, per un importo totale di quasi 1,3 miliardi di dollari.


France Media

L’avvocato federale John Demers ha commentato: “Questi agenti nordcoreani, che usano le tastiere dei computer al posto delle armi e rubano i portafogli dei computer pieni di criptovalute invece di borse piene di contanti, sono i principali rapinatori di banche al mondo”.

Secondo l’accusa presentata in un tribunale di Los Angeles, i tre sospettati fanno parte di un’agenzia di intelligence militare nordcoreana nota per aver effettuato attacchi informatici in passato. Sono stati identificati come: Jun Chang Hyuk, 31 anni, Kim Il, 27 anni e Park Jin Hyuk, 36 anni.

Michael D’Ambrosio, direttore dei servizi segreti, ha detto che la portata dei loro crimini, commessi in un lungo periodo, era “Faramini” e ha illustrato “la crescente alleanza tra funzionari statali e infiltrati altamente sofisticati”.

Pyongyang è stata precedentemente accusata di essere dietro a diversi attacchi informatici su larga scala, tra cui l’hacking di Sony Pictures nel 2014.

Un gruppo di pirati, “Peace Guards”, ha rivendicato la responsabilità dell’incidente e ha chiesto allo studio cinematografico di annullare “L’intervista che uccide!” “Una commedia in cui la CIA chiama due giornalisti per uccidere Kim Jong Un.

READ  The rocks in the English garden turned out to be a $ 20,000 Roman remains

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *