Francia: scoperte 100 carcasse di gatti negli anni ’80

carino | Un centinaio di carcasse di gatti sono state scoperte domenica negli anni ’80 nel sud della Francia, e circa due dozzine di questi vivono ma in cattive condizioni, abbiamo appreso lunedì da una di queste associazioni.

I corpi, la maggior parte rinchiusi in scatole di plastica o di legno sigillate, sono stati scoperti dopo che questo pensionato nizzardo di 81 anni è stato portato in Costa Azzurra, secondo il quotidiano Nice Matin.

Diverse società di protezione degli animali sono state chiamate per salvare la nipote di quest’uomo che aveva scoperto la fossa comune.

Un totale di circa 100 gatti sono stati trovati morti dentro e intorno alla casa, insieme a resti di scoiattoli, topi e la mascella di un cane.

Una delle associazioni intervenute ha detto Philippe Dejac, presidente de La Tribu du Anteater.

Il cadavere di un gatto parzialmente divorato, probabilmente dai suoi compagni, giaceva su un divano di casa.

Più di venti gatti sono ancora vivi ma sono stati soccorsi fatiscenti e affidati a veterinari o volontari.

“Purtroppo vediamo storie come questa ogni anno”, ha spiegato Dejak.

Il pensionato, secondo il signor Dejak, soffriva della sindrome di Noè, un disturbo mentale che consiste nell’ingerire più animali di quanti un individuo possa mangiare o mangiare correttamente, nonché della sindrome di Diogene che porta a un accumulo compulsivo di corpi.

Mr. Dejak ha detto che le associazioni intendono sporgere denuncia per il “maltrattamento” o la “trascuratezza” degli animali.

READ  Sergei Mingut: A Spanish mountaineer died after falling from K2

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *