Francia | La campagna presidenziale si intensifica 22 giorni prima del primo turno

(Parigi) Circa tre settimane prima del primo turno delle elezioni presidenziali, Emmanuel Macron sabato ha commemorato la fine della guerra algerina, mentre i suoi rivali a volte fanno campagna, sostenendo che nulla è stato ancora deciso.

Inserito ieri alle 11:25

Leon Bruno con il dipartimento politico dell’AFP
Agenzia media francese

Il giorno dopo un viaggio a Pau dove ha difeso il suo progetto di rielezione, Macron è tornato nei panni del capo di stato, per commemorare il suo 60° anniversarioE il Anniversario degli Accordi di Evian il 19 marzo 1962.

Durante una cerimonia all’Eliseo, ha detto di aver “portato” gesti commemorativi dall’inizio del suo mandato di cinque anni, a volte controversi, dicendosi convinto che “verrà un giorno in cui l’Algeria prenderà questa strada” .

Ma ha osservato che “ci saranno inevitabilmente momenti di tensione” in questa difficile “riconciliazione dei ricordi” sulla guerra d’Algeria, il cui trauma si sente ancora.

Diversi candidati di destra e di estrema destra hanno criticato il ricordo, sostenendo che i massacri sono continuati fino all’indipendenza dell’Algeria il 5 luglio 1962.

“Ci sono 150.000 Harki uccisi dopo questa data. Ci sono 10.000 Bedas Noir uccisi dopo questa data. Sabato a Courtenay (Laura) ha detto Marine Le Pen (RN):

Da parte sua, la sua avversaria di destra Valerie Pecres venerdì ha promesso che, se eletta, avrebbe trovato “un’altra data” diversa dal 19 marzo.

‘acrobazia’ e ‘furto’

In questa particolare campagna nel bel mezzo della guerra in Ucraina, tutti i contrassegni sembrano verdi per Emmanuel Macron, che sabato ha ottenuto il sostegno della manifestazione di sinistra della Primavera repubblicana.

READ  La guerra in Ucraina | Il bombardamento della più grande centrale nucleare d'Europa e la sua sicurezza garantita

Alterna il suo ruolo di capo di stato e di candidato, imponendo il suo ritmo e la sua agenda a un’opposizione frammentata, rifiutandosi di impegnarsi in un combattimento diretto con i suoi avversari. Lo accusano in cambio di eludere il confronto diretto.

Emmanuel Macron guida l’ondata di sondaggi di opinione che gli danno più o meno del 30% delle intenzioni di voto al primo turno del 10 aprile, davanti a Marine Le Pen tra il 16 e il 18%. I sondaggi d’opinione danno a Macron un vincitore del secondo turno in tutti gli scenari, incluso un duello simile a quello delle elezioni del 2017.

Al contrario, i suoi oppositori si dicono ancora convinti che nulla sia stato ancora risolto, mentre la questione della legittimità del presidente rieletto sta emergendo senza un vero dibattito, e sullo sfondo dei timori di una massiccia astensione.

Il candidato di estrema sinistra Philippe Bhutto ha stimato sabato sul canale France 2 che “contrariamente a ciò che Emmanuel Macron vuole credere, le elezioni non si sono mai tenute. Il signor Macron si rifiuta di discutere, stiamo truccando le elezioni presidenziali”.

A destra, il candidato LR, che sta vivendo una lenta erosione dei sondaggi (circa 11%), ha puntato i suoi attacchi su Emmanuel Macron, denunciando come sabato Van (Morbihan) il candidato alla presidenza “una frode che gli ha fatto sparire il bilancio e non ne vuole parlare”.

Da parte sua, il suo avversario Eric Zemmour sta cercando di rimobilitare le sue forze, accusando Macron e Mr.me Le Pen è un “tentativo” di “rubare le elezioni”. “Vogliono una rivincita del match Le Pen-Macron che non vuoi più, quella finale senza suspense, quello spettacolo di wrestling dove tutto è truccato, tra l’eterno adolescente e l’eterno perdente”, ha rilasciato durante un incontro a Metz venerdì sera.

READ  Haiti | In mezzo alla crisi di legittimità, il governo vuole riformare la vita politica

L’ex oratore aveva un limite dall’11 al 13% delle intenzioni di voto e aveva subito una rigida sequenza dallo scoppio della guerra in Ucraina.

A sinistra, la battaglia è piuttosto accesa tra il leader dell’LFI Jean-Luc Mélenchon, il meglio piazzato nei sondaggi, ei suoi rivali ambientalisti Yannick Gadot e, in misura minore, la socialista Anne Hidalgo e il comunista Fabian Roussel.

Quest’ultimo ha raddoppiato gli attacchi rivolti al candidato della sinistra radicale sulle sue posizioni nel conflitto in Ucraina, Yannick Gadot, ad esempio, venerdì sera al LCI “Non-alignment” e la sua “resa” davanti a Vladimir Putin.

Il signor Mélenchon sta cercando di amplificare la sua attuale dinamica e prevede di riunire decine di migliaia di persone per la manifestazione di domenica a Parigi, “Per la sesta repubblica”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.