Formula 1 | Monza rinomina Parabolica in onore di Michel Alburetto

Per il prossimo Gran Premio d’Italia dovremo accogliere un cambio di nome per una delle curve più leggendarie del calendario, la Parabolica de Monza.

Infatti, il circuito italiano ha annunciato che in occasione del 20° anniversario della morte del pilota italiano Michele Alburetto, che ha ottenuto 5 vittorie in Formula 1, questa curva parabolica ha preso il nome di “Curva Alburetto”.

L’italiano è morto tragicamente all’età di 44 anni durante una prova di resistenza al Lausitzring in Germania nel 2001.

Il galà sarà organizzato il sabato del Gran Premio d’Italia.

Biografia di Michelle Burrito:

Dal 1953 l’Italia aspetta un pilota campione del mondo. Michelle Alburetto avrebbe potuto essere un segno di questo risveglio, ma non lo sarebbe.

Nato a Milano, Michele ha iniziato la sua carriera automobilistica negli anni ’70 e, nel 1978, ha vinto il titolo di Campione Italiano dalla Fiat Abarth. Nel 1980, con l’Alfa Romeo March di Formula 3, vince quattro gare e il titolo europeo di questa categoria. Nello stesso anno muove i primi passi nelle corse automobilistiche. Con la Lancia ha disputato quattro gare, classificandosi secondo in tre occasioni. L’anno successivo, Ken Terrell decise di arruolarlo nel team di Formula Uno.

Le ore di gloria della Tyrrell sono trascorse, Michel non fa prodezze al volante della 010 poi della 011. Ha trovato più soddisfazioni nelle auto sportive, ha conquistato la vittoria nella 6 Ore di Watkins Glen. Ha gareggiato anche in Formula 2 con il team Minardi e ha vinto il Gran Premio dell’Adriatico. La stagione 1982 sarebbe stata decisamente migliore, Michel salì al suo primo podio ad Imola, gara segnata dal boicottaggio di diverse squadre, dopo una lite tra FISA e costruttori. Poi, alla fine della stagione, ha collezionato una vittoria schiacciante a Las Vegas. Ha anche vinto tre gare di auto sportive. La stagione 1983 fu meno buona, ad eccezione di Detroit, dove vinse il pilota italiano. Impressionato da questo giovane pilota, Enzo Ferrari lo assunse per la stagione 1984.

READ  Chi c'è dietro le tecnologie avanzate della piattaforma?

McLaren-TAG-Porsches dominano questa stagione, ma Michele non si arrende, spesso è in testa e quando la macchina non si arrende, il pilota è sempre in classifica. In Belgio ha vinto, poi è salito tre volte sul podio a fine stagione. La stagione 1985 è stata indimenticabile, nel bene e nel male. Nei primi 10 appuntamenti della stagione Michelle ha conquistato due vittorie, in Canada e in Germania, spesso sul podio. Gli italiani guidano il campionato e sono ottimisti sul fatto che il loro connazionale trionferà ai massimi livelli. Ma la cosa strana è che la stagione si chiuderà con cinque ritiri, ed è Alain Prost a vincere il titolo. Questo fallimento caratterizza fortemente Michel, che non vincerà altre gare.

Nel 1986, il burrito non era il giovane pilota vittorioso che era. Sale sul podio solo una volta, mentre il compagno di squadra Johansson lo supera. E la situazione non migliorò la stagione successiva, di fronte a Gerhard Berger, che lo superò facilmente in velocità assoluta e in classifica. Mentre Berger ha vinto le ultime due gare della stagione, Alburetto ha ottenuto solo tre podi e dodici ritiri (di cui undici consecutivi per problemi meccanici) su sedici gare. Nel 1988, come l’anno prima, superato da Berger, Michel fa dei bei tiri, ma da lontano non riesce a trattenersi. Alla fine della stagione, viene ringraziato dai datori di lavoro.

Michele torna alla Tyrrell, terzo a Città del Messico, ma presto ci sarà una lotta tra gli sponsor, la sua squadra supportata da Camel mentre Marlboro affianca il pilota. Il burrito rompe il contratto e la squadra di Larrousse, equipaggiata con la monoposto Lola, parte. Tutti coloro che prima hanno lottato per la vittoria, ora devono lottare per mantenere il proprio posto sulla linea di partenza. Nel 1990, è stato assunto dalla squadra di magazzino. Si qualifica ancora, ma non arriva mai a punti. Nel 1991, la squadra ha preso il nome del suo sponsor, Footwork. Nel 1991, il suo punteggio è rimasto vuoto e nel 1992 ha segnato sei. Nel 1993 ha corso per Lula, poi per la Minardi nel 1994 e ha segnato un punto a Monaco, prima di gettare finalmente la spugna.

READ  Romano Mussolini, nipote di Duchi, firma un contratto professionale con la Lazio

Nel 1995 Michele ha vinto al volante del Campionato DTM con l’Alfa Romeo. Nel 1996 e nel 1997 ha partecipato ad alcune gare del Campionato IRL. Il suo miglior risultato è un terzo posto a Loudoun. Ma nel 1996, Michele si unì anche al team Joest Racing per la 24 Ore di Le Mans. Nel 1997, con Stefan Johansson e Tom Christensen, Michelle torna alla vittoria dopo dodici anni di penuria alla guida di una TWR-Porsche. Nel 1999, Joest Racing è diventato il team ufficiale Audi, così come la 24 Ore di Le Mans, finendo quarto nel 1999 e terzo nel 2000, partecipando all’American Le Mans Series e vincendo la 12 Ore di Sebring nel 2001.

Il 25 aprile 2001, sul circuito del Lausitzring, Michele Alboreto ha condotto dei test con la sua Audi R8. Corse a una velocità di 320 km/h, fu ucciso sbattendo contro le barriere dopo una foratura, e aveva 44 anni. Lo ha detto Gerhard Berg, suo ex compagno di squadra “Forse avrebbe dovuto smettere di correre qualche anno fa, ma non poteva lasciare il motorsport: è morto facendo ciò che ama”.

con il nostro partner www.statsf1.com

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *