Eruzione in una fessura vulcanica vicino a Reykjavik

Un’eruzione vulcanica è iniziata vicino alla capitale islandese Reykjavik, mercoledì, da una fessura che stava vomitando lava vicino al sito del Monte Vagradalsvilla, dove un vulcano era già eruttato nel 2021.

• Leggi anche: In Islanda, i segreti per risvegliare una regione vulcanica sono dormienti da 800 anni

La fessura, situata a circa 40 chilometri da Reykjavik e lunga circa 300 metri, ha rivelato getti di lava che si sono trasformati in rocce fumose quando il materiale si è raffreddato.

L’eruzione vulcanica iniziò vicino a Fagradalsfjall. “La posizione esatta non è stata ancora confermata”, ha affermato su Twitter l’Istituto islandese di meteorologia (IMO).

L’istituto ha poi spiegato che l’eruzione è iniziata nella valle del Miradaler, a meno di un chilometro dall’eruzione del 2021.

Sebbene non ci fosse nuvola di cenere, l’istituto ha ritenuto che “è possibile che l’inquinamento possa essere rilevato dai fumi di gas”.

I gas delle eruzioni vulcaniche, compreso il biossido di zolfo, possono salire nelle immediate vicinanze e rappresentare un pericolo per la salute o addirittura essere fatali.

Il vento può anche trasportare questi tipi di inquinamento.


E martedì sera, l’Istituto meteorologico ha annunciato che la possibilità di un’altra eruzione vulcanica nei pressi del monte Vagradalsvilla “nei prossimi giorni o settimane” è considerata “elevata”.

Da sabato sono state rilevate quasi 10.000 scosse, di cui due di magnitudo superiore a 5.

In contatto con l’AFP, l’autorità aeroportuale nazionale islandese ha affermato che il vulcano non è stato interessato da alcun volo per il momento, aggiungendo che stava monitorando la situazione “di conseguenza”.

“Il rischio per le aree popolate e le infrastrutture critiche è considerato estremamente basso e non ci sono state interruzioni ai voli”, ha affermato su Twitter il Dipartimento di Stato.

READ  100 paesi affermano che i talebani continueranno a consentire le evacuazioni

Più di un’ora dopo l’inizio dell’eruzione, un volo commerciale potrebbe essere visto volare basso sopra il sito dell’eruzione e dirigersi verso Keflavik, il principale aeroporto di Reykjavik.

Il monte Fagradalsfjall appartiene al sistema vulcanico di Krysuvik, situato sulla penisola di Reykjanes, nel sud dell’Islanda.

Prima dell’anno scorso, la penisola di Reykjanes non era stata teatro di eruzioni vulcaniche per quasi otto secoli, ma gli specialisti islandesi sottolineano che l’area è entrata in un nuovo periodo di attività vulcanica.

L’Islanda ha 32 sistemi vulcanici attualmente considerati attivi, i più grandi d’Europa.

In media, il paese subisce un’eruzione ogni cinque anni.

L’Islanda si trova a cavallo del confine del Medio Atlantico, una fessura che separa le placche tettoniche eurasiatiche e nordamericane.

Il movimento di queste placche è in parte responsabile dell’intensa attività sismica nel paese.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.