Eruzione del vulcano Nyiragongo | Il presidente ruandese chiede “sostegno urgente e globale”

(Kigali) Il presidente ruandese Paul Kagame, “profondamente preoccupato” per la situazione del vulcano Nyiragongo nella Repubblica Democratica del Congo, venerdì ha chiesto “sostegno globale e urgente” di fronte alla “crisi umanitaria” causata in particolare dalla migrazione di centinaia di migliaia di congolesi, compreso So to Rwanda.


France Media

Secondo i dati delle autorità del Nord Kivu (Repubblica Democratica del Congo nord-orientale), venerdì quasi 400mila persone hanno lasciato Goma, il capoluogo di provincia, dopo un ordine di evacuazione “preventivo” e “obbligatorio” trasmesso il giorno precedente.

Il rischio di una nuova eruzione rimane alto dopo l’eruzione della rivoluzione del 22 maggio, senza alcun segnale di avvertimento. Due massicce colate laviche fuoriuscirono dai lati del vulcano, una delle quali si stabilì nella periferia nord-orientale di Goma.

“È impossibile non essere troppo ansiosi perché alcune delle cose che accadono non sono sotto il controllo di nessuno”. Paul Kagame ha detto in un’intervista con Agence France-Presse e France International venerdì sera a Kigali: “Tutto quello che possiamo fare è continuare a guarda attentamente.”

Foto: Simon Wolffahert, Agence France-Presse

Presidente ruandese Paul Kagame

Le persone scappano in tutte le direzioni e nessuno sa dove trovare riparo […] Abbiamo un gran numero di persone che attraversano il confine (con il Ruanda, ndr). Stiamo lavorando con la parte congolese per gestire la conseguente crisi umanitaria.

Abbiamo davvero bisogno di un supporto globale urgente per continuare a guardare, per vedere cosa succede.

Paul Kagame, presidente del Ruanda

In Ruanda si sono verificati danni nella città di confine di Gisenyi e nella regione che la ospita, Rubavu, dove “i terremoti hanno distrutto le case. […] Le persone sono state sfollate “.

READ  Biden promette che la Russia non può "violare" i diritti umani

“Stiamo progettando cose immediate e urgenti. Ce ne sono altre a cui rispondiamo non appena appaiono, e altre ancora pensano:” Se le cose vanno male, cosa dobbiamo fare? Ha continuato, notando “capacità limitate” a lungo termine.

Foto: Save the Children, tramite Reuters

La lava ha inghiottito molte case lungo la strada.

Sul versante ruandese, il primitivo campo Rogerero, a una decina di chilometri dal confine, è stato istituito dalle autorità ruandesi e dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Un funzionario del governo ha detto venerdì all’Afp che circa 3.000 rifugiati erano arrivati ​​a Rogerero, aggiungendo che il conteggio continuava.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *