Elezioni Usa: Vladimir Putin al centro di un complotto per eleggere Donald Trump

Il dubbio persiste. Oggi, la fuga senza precedenti di un documento riservato emesso dal Cremlino inizia a sollevare questo problema. Sembra che il presidente russo Vladimir Putin, i suoi servizi segreti e diversi ministri del suo governo abbiano messo insieme una campagna per assicurarsi una vittoria Donald Trump nelle elezioni presidenziali americane del 2016.

In un incontro a porte chiuse nel gennaio di quell’anno, gettarono le basi per tale interferenza nel processo elettorale americano per sostenere la candidatura del populista. I documenti ufficiali russi affermano che l’obiettivo era garantire gli obiettivi strategici di Mosca alimentando disordini sociali negli Stati Uniti e indebolendo la Casa Bianca “sacrificando le informazioni” che i russi conservano su Donald Trump. Rivelato giovedì in pieno giorno dal quotidiano britannico guardiano.

Verbale di questa riunione del Consiglio di sicurezza nazionale al Cremlino guidato da Vladimir Putin – Documento “Nun 04-32 vd”, classificato come classificato – indica che Donald Trump è visto come un “candidato promettente” dal punto di vista del Cremlino e lo ritrae come un “individuo impulsivo, mentalmente instabile, squilibrato con un complesso di inferiorità”.

All’epoca, l’ex star dei reality e magnate immobiliare stava guidando la corsa per la nomina repubblicana per le elezioni presidenziali di novembre.

“È assolutamente necessario usare tutta la forza possibile per facilitare la sua elezione alla carica di presidente degli Stati Uniti”, afferma il documento, che vede la sua vittoria come mezzo per la realizzazione delle politiche russe, tra le altre cose. Il sistema sociale e politico americano”.

Il piano per interferire nel processo democratico statunitense è propagandato come un atto di autodifesa dal Cremlino contro le sanzioni che Washington ha imposto a Mosca dal 2014, sulla scia della crisi in Ucraina orchestrata dalla Russia. Diverse agenzie e ministeri russi sono stati autorizzati a partecipare.

READ  Stretto di Hormuz | Spari della Marina statunitense in avvertimento contro le navi iraniane

Oltre a Vladimir Putin, ministro della Difesa responsabile dell’intelligence militare, GRU, Sergei Shoigu, allora capo dei servizi di intelligence stranieri, Mikhail Fradkovd, e capo del Servizio di sicurezza federale (FSB), Alexander Bortnikov, a questo incontro. Hanno deciso di sfruttare le molte debolezze degli Stati Uniti. Tra questi ci sono il “crescente divario politico sinistra-destra” di questo paese, uno spazio mediatico polarizzato e un sentimento ostile.Istituzione che è cresciuto sotto la presidenza di Barack Obama.

“virus multimediali”

C’è un paragrafo che riassume come la Russia può iniettare “virus mediatici” nello spazio pubblico americano per manipolare l’opinione pubblica in determinati gruppi. Questi virus sono presentati come autosufficienti e autoreplicanti.

Queste due caratteristiche definiscono bene il contenuto portato avanti da diversi anni dai movimenti cospirativi negli Stati Uniti, la maggior parte dei quali mira a promuovere l’ideologia repubblicana conservatrice negli Stati Uniti.

In termini di informazioni compromettenti su Donald Trump, il documento rimane sfuggente. Tuttavia, si riferisce al materiale raccolto dalle autorità russe durante l’ultimo viaggio “non ufficiale” compiuto da questo populista in Russia.

I documenti rivelano che dopo questo incontro, Vladimir Putin ha creato per decreto una nuova commissione interministeriale segreta per mettere in pratica sul campo questa strategia di intervento. La riunione del Consiglio di sicurezza nazionale al Cremlino si è tenuta bene il 22 gennaio 2016, secondo i registri ufficiali, che tuttavia menzionano l’economia e la Moldova come gli unici due argomenti discussi.

guardiano L’autenticità di questi documenti è stata verificata da diversi esperti indipendenti che hanno trovato “corretti” una serie di dettagli in essi contenuti, nonché il tono generale espresso dal pensiero del Cremlino sulla sicurezza. Il quotidiano britannico sottolinea che i servizi di intelligence di molti paesi occidentali hanno potuto accedervi pochi mesi fa. Questo dovrebbe includere quelli provenienti dal Canada. Ha anche descritto la fuga del documento come “pericolosa e insolita” dall’interno del Cremlino.

READ  Vaccino Pfizer-BioNTech | Health Canada approva sei dosi per fiala

nel 2019, Il procuratore speciale degli Stati Uniti Robert Mueller ha riferito di questa interferenza russa Nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, la sua indagine non è riuscita a fornire prove sufficienti di “collusione” tra la Russia e il clan Trump. Un anno dopo, il Comitato di intelligence del Senato degli Stati Uniti guidato dai repubblicani ha dichiarato in un rapporto che “le spie russe hanno sostenuto attivamente la campagna di Trump”, in parte attraverso il rilascio di e-mail. “Hillary Clinton mira a minare la campagna del candidato democratico. Si sospetta fortemente che l’intelligence russa stesse eseguendo e facilitando l’ordine.

Dal 2016, Vladimir Putin ha categoricamente negato qualsiasi interferenza della Russia nella vita politica ed elettorale delle democrazie occidentali. Si sospetta che la mano russa abbia cercato di manipolare l’esito dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea nel 2015, così come le recenti elezioni europee del 2019.

Giovedì, il Cremlino ha mantenuto la sua linea di difesa descrivendo quello che il quotidiano britannico ha rivelato come un “romanzo da quattro soldi”.

Guarda il video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *