Elezioni in Virginia | Uno schiaffo in faccia per Biden in Virginia

(New York) Un anno dopo aver consegnato a Joe Biden una convincente vittoria su Donald Trump alle elezioni presidenziali, martedì gli elettori della Virginia hanno voltato le spalle al candidato governatore del suo partito, eleggendo invece il suo sfidante repubblicano.




Richard Hito

Richard Hito
cooperazione speciale

Considerata improbabile solo poche settimane fa, quella sentenza sarebbe uno schiaffo in faccia per Joe Biden, che ha battuto il suo predecessore di 10 punti in Virginia, uno degli stati in cui la sua popolarità è diminuita drasticamente nelle ultime settimane. . E i suoi alleati al Congresso affogheranno nel dubbio e persino nel panico.

Glenn Yongkin, uomo d’affari di 54 anni, ha sconfitto Terry McAuliffe, ex governatore della Virginia di 64 anni, usando una strategia che rischia di emulare altri candidati repubblicani in vista delle elezioni. Mid-Term, che si terrà a novembre 2022.

Proiettando l’immagine di un buon padre, Donald Trump ha tenuto la Virginia lontana dalla Virginia per tutta la sua campagna e ha corteggiato la base repubblicana e gli elettori suburbani più moderati.

Riuscì, per così dire, a quadrare il cerchio apparendo come un avvocato per i genitori nelle battaglie tra gli altri e le scuole pubbliche su varie questioni, incluso l’impatto della teoria critica della razza nell’insegnamento degli studenti delle scuole primarie e secondarie. Sviluppato da studiosi di diritto negli anni ’70, questo concetto viene utilizzato per esaminare l’eredità della supremazia bianca sulle leggi e sulle istituzioni americane.

Glenn Yongkin ha promesso di bandire questa teoria dalle scuole pubbliche, anche se non la insegnano. Da qui l’accusa del suo avversario democratico di aver sollevato la questione per sfruttare l’ansia razziale degli elettori bianchi.

READ  Le Nouvelliste - Manifestazione con la forza pacifica contro Jovenel Moïse, dittatura e rapimenti domenica 28 febbraio 2021

Errore fatale

Tuttavia, Terry McAuliffe ha aiutato la causa del candidato repubblicano commettendo un errore critico sulla questione dell’istruzione durante il dibattito televisivo finale della campagna. Riferendosi agli sforzi della madre per prevenire lo studio di amabile, Il resoconto della schiavitù di Toni Morrison, ha dichiarato: “Non credo che i genitori dovrebbero dire alle scuole cosa dovrebbero insegnare. Questa affermazione ha deliziato Glen Yongkin, che l’ha usata in una pubblicità trasmessa per la sazietà in televisione”.

Anche l’ansia degli elettori per l’economia e la stanchezza per la pandemia di coronavirus hanno giocato a favore dei repubblicani. Terry McAuliffe chiaramente non è riuscito a convincere gli elettori che non c’era una vera differenza tra il suo rivale e Donald Trump. Inoltre, non mancherà di vedere la sua sconfitta come conseguenza dell’inerzia dei Democratici congressuali sulle riforme economiche volute da Joe Biden. Invano nelle ultime settimane ha chiesto alla Camera di approvare un disegno di legge bipartisan per le infrastrutture da 1,2 trilioni di dollari che il Senato ha già approvato.

La sua sconfitta potrebbe avere l’effetto di distrarre i democratici moderati al Congresso dalla riforma più ambiziosa di Joe Biden: un programma sociale e ambientale da 1,7 trilioni di dollari.

La storia si ripete

Da un punto di vista storico, l’elezione di Glenn Yongkin non è stata una sorpresa completa. In 11 precedenti scrutini governativi della Virginia, la vittoria è andata 10 volte a un candidato che rappresentava il partito che non era al potere alla Casa Bianca.

Quindi Joe Biden ha subito la stessa sorte di tutti i presidenti americani da Jimmy Carter nel 1977.

READ  Researchers say that sharing leftover meat helped domesticate the dogs in Ice Age winters

Tuttavia, sia gli strateghi che i commentatori del partito vorranno vedere la vittoria del candidato repubblicano come un precursore delle elezioni di medio termine, che includeranno in particolare 435 seggi alla Camera e un terzo del Senato. In particolare, discuteranno di cosa è successo nel 2009 dopo l’elezione del repubblicano Bob McDonnell, quando i democratici hanno preso il controllo della Casa Bianca e di entrambe le Camere del Congresso. Questa vittoria ha preceduto il disgelo subito dagli alleati democratici di Barack Obama durante le elezioni di medio termine del 2010. Hanno perso in particolare 63 seggi alla Camera e la maggioranza.

Ma la notte delle elezioni di martedì potrebbe differire dal 2009 almeno in un punto. Dodici anni fa, i repubblicani vinsero non solo le elezioni governative della Virginia, ma anche quelle del New Jersey. Chris Christie ha sconfitto il governatore democratico di quello stato, John Corzine. Tuttavia, al momento della stesura, il governatore democratico Phil Murphy era ancora in combattimento ravvicinato con il repubblicano Jack Cetrily.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *