Economia | Dieselgate: Volkswagen ordina 200 milioni di euro da pagare in Italia

Da La Provence (con AFP)

La società tedesca Volkswagen è stata condannata in Italia a pagare 200 milioni di euro di risarcimento a più di 63.000 proprietari di auto modificate per nascondere le emissioni inquinanti, ha affermato l’Unione dei consumatori.

L’Associazione Altroconsumo ha salutato la “storica” ​​vittoria in un comunicato diffuso mercoledì sera.

Secondo la sentenza del tribunale di Venezia, VW dovrà pagare 3.300 euro (più interessi) per ciascuno degli oltre 63.000 consumatori che hanno partecipato alla nostra azione collettiva, Ha spiegato Altroconsumo.

DieselJet, che ha portato a cause legali in diversi paesi, è già costato a Volkswagen 30 miliardi di euro, principalmente negli Stati Uniti, dove il gruppo tedesco si è dichiarato colpevole di frode nel 2017.

Volkswagen ha ammesso nell’autunno del 2015 di aver dotato 11 milioni dei suoi veicoli diesel di un software in grado di mascherare le emissioni che a volte superano gli standard autorizzati 40 volte. Da allora, le vendite di auto diesel sono crollate.

“Davide ha sconfitto Golia e ha mostrato ancora una volta che la forza è unita”, Benvenuto in Federico Cavallo, Responsabile Relazioni Esterne di Altroconsumo.

“Dopo i consumatori americani, tedeschi e spagnoli, dopo cinque anni di attesa, è finalmente arrivato il momento per gli italiani di chiedere giustizia” Ha aggiunto.

Il colosso tedesco è anche citato in giudizio in Francia dove la DGCCRF (Direzione Generale della Concorrenza, dei Consumi e della Antifrode) ha valutato in 19,7 miliardi di euro la sanzione massima a cui incorre.

La Volkswagen non si è pronunciata immediatamente sulla sentenza del tribunale di Venezia.

READ  Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha rassegnato le dimissioni al presidente Sergio Mattarella

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *