Ecco l’ultima piccola aggressione razzista

Hai mai chiesto a qualcuno con un accento straniero o una strana visione del proprio paese?

Si ?

Smettila adesso.

Sembra essere un’aggressione razzista.

I Frankofoni sono cattivi!

La scorsa settimana, il bollettino interno dell’UQAM ha pubblicato i risultati di un sondaggio di uno studente di dottorato in sociologia su “Costruire un’esperienza sociale tra i giovani immigrati di seconda generazione del Quebec provenienti dall’Africa subsahariana (Camerun, Congo, Ruanda e Burundi)”.

Il ricercatore Bénédict Nguiagaina ha intervistato circa 20 residenti di Montreal di età compresa tra 18 e 33 anni per capire perché non si sono identificati come Quebec.

Uno dei motivi addotti? Spesso chiediamo loro da dove vengono.

“Sembra che sia impossibile per i cittadini del Quebec immaginare che un uomo di colore sia nato in Quebec”, ha detto il ricercatore. Per quanto riguarda la signora Nguyagina, questo spiega
Perché molti giovani “razzisti” si sentono più a loro agio nella lingua inglese che in ambienti francofoni.

Perché gli inglesi a Montreal sarebbero più aperti.

Gli anglofoni fanno di tutto per pronunciare correttamente i cognomi, anche se ciò significa chiedere di nuovo il nome della persona, mentre la maggior parte dei francofoni non farà lo sforzo. Massacreranno il nome o diranno semplicemente signora o signore.

“Per gli anglofoni, le persone appartenenti a minoranze apparenti non sono sempre straniere”.

Segno di chiusura? Oh veramente ?

I francofoni massacrano cognomi stranieri mentre gli anglofoni si sforzano di pronunciarli bene …

Ah, mi dispiace ma … questa non è una fusione, vero? Generalizzazione? Per non dire uno stereotipo anti-Quebec?

Mettere tutti i neri (o tutti gli ebrei o tutti gli asiatici) nello stesso paniere è discriminatorio, ma mettere tutti i Quebec di lingua francese nello stesso paniere è vero?

READ  A cena con Emmanuel Macron | Lo chef della Martinica è represso, il regolatore paga male

Un’altra nota: la domanda di una persona sulla sua provenienza potrebbe non essere un segno della conclusione, ma, al contrario, un segno di curiosità e preoccupazione per gli altri?

Non so quante volte hai usato quella frase per iniziare una conversazione con qualcuno.

Non controllare se una persona è un “bravo, vero Quebec”! Solo per iniziare la discussione.

“Ti accorgi di avere un accento. Di dove vieni?” dalla Siria?

Non dal Libano.

– Oh, le cose vanno male nel tuo paese d’origine, giusto? Hai ancora una famiglia lì? Le cose stanno migliorando? “

Ecco fatto, il ghiaccio si rompe e il collegamento viene creato.

Se solo conoscessi tutte le discussioni interessanti che ho avuto grazie a questa frase!

Guarda il razzismo ovunque

Sì, mi è capitato che la persona mi abbia risposto: “Sono nato in Quebec …” E allora? Ridi, mi scuso e passo a un altro argomento …

Dovremmo chiamare la Commissione per i diritti umani ogni volta che un residente bianco di lingua francese del Quebec pone questa domanda?

Vedendo il razzismo ovunque, finiamo per diminuire il vero razzismo.

Non pensi che ai bianchi con accenti francesi non venga chiesto da dove vengono?

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *