Ecco cosa sappiamo del peggior disastro ferroviario in India dal 1999

Ecco cosa sappiamo del peggior disastro ferroviario in India dal 1999

Le autorità indiane stanno indagando sul peggior disastro ferroviario degli ultimi decenni, quando i treni hanno ripreso il traffico lunedì sul luogo di una collisione che ha provocato almeno 275 morti e oltre 1.000 feriti.

• Leggi anche: Disastro ferroviario in India: identificare la causa e ‘chi è il responsabile’

• Leggi anche: “Walking on Corpses”: “Dolore atroce” dopo un incubo ferroviario

• Leggi anche: Almeno 288 persone sono state uccise e più di 850 ferite in un disastro ferroviario in India

I primi risultati dell’inchiesta non sono stati ancora resi noti, ma secondo le autorità la causa della tragedia è legata a un problema nel sistema di rinvio, mentre la stampa locale esalta “l’errore umano”.

Ecco cosa sappiamo finora dell’incidente:

Il Coromandal Express, che collega Calcutta a Madras, ha avuto il via libera per commerciare sul binario principale prima di essere deviato su un binario dove si trovava già un treno merci carico di minerale di ferro, secondo la stampa.

Il treno passeggeri ad una velocità di circa 130 km/h si è schiantato contro un convoglio merci nei pressi di Balasore, a 200 km da Bhubaneswar, capitale dello stato dell’Odisha.

Tre carrozze sono cadute su un binario adiacente, colpendo la parte posteriore di un altro treno passeggeri, l’Howrah Superfast Express che operava tra Bangalore e Calcutta.

In totale, i due treni hanno trasportato più di 2.000 passeggeri.

Il ministro delle ferrovie indiane Ashwini Vaishinaw ha dichiarato domenica che “la causa dell’incidente e i responsabili” sono stati determinati.

Ha spiegato che “il cambiamento avvenuto durante il rinvio elettronico è la causa dell’incidente”.

READ  150 giorni di guerra in Ucraina: ecco dov'è il conflitto

Il Times of India, citando un rapporto di indagine preliminare, ha affermato domenica che “un errore umano” nella trasmissione del segnale potrebbe aver causato la collisione tra i tre treni.

L’Indian Railways Board ha raccomandato che l’agenzia investigativa federale fosse incaricata delle indagini.

Il primo ministro Narendra Modi ha promesso sabato che nessun funzionario sarebbe stato risparmiato.

Le autorità hanno inizialmente annunciato che il bilancio delle vittime era di 288, ma il governo dello stato di Odisha ha rivisto la cifra a 275, con il conteggio dei morti erroneamente raddoppiato.

Domenica, le autorità hanno dichiarato che 382 pazienti su 1.175 erano ancora ricoverati in ospedale.

Resta alta la preoccupazione che il bilancio delle vittime aumenti poiché i centri medici sono sopraffatti dai feriti, molti dei quali in gravi condizioni.

A questo punto, questo incidente ferroviario è il più mortale in India dalla collisione frontale di due treni passeggeri il 2 agosto 1999 alla stazione di Jaisal nel Bengala occidentale. 285 persone sono state uccise.

La rete ferroviaria del Paese, che, secondo i dati ufficiali, trasporta più di 21 milioni di passeggeri al giorno, è sottoposta a un’enorme pressione.

Sulla rete ferroviaria, lunga 64.000 km, circolano quotidianamente circa 14.000 treni e 8.000 locomotive.

Circa 20.000 persone sono morte in media ogni anno in incidenti ferroviari (collisioni, deragliamenti, cadute sui binari, ecc.), tra il 2017 e il 2021, secondo i dati ufficiali.

I deragliamenti rappresentano il 69% degli incidenti, secondo il rapporto del 2022 della più grande società di revisione del paese, il Comptroller and Auditor General of India (CAG).

Gli esperti affermano che mentre gli incidenti sono diminuiti nel tempo, i necessari miglioramenti sono stati apportati, nella migliore delle ipotesi, per fasi.

READ  Haiti | Continuano le indagini sull'assassinio del presidente Jovenel Moses Moses

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *