Drammatico immigrazione clandestina in Messico: 53 morti in un incidente con un camion

Almeno 53 migranti irregolari, la maggior parte dei quali guatemaltechi, sono stati uccisi giovedì in un incidente di camion nel sud del Messico, un paese più che mai stretto tra la pressione dell’immigrazione dei suoi vicini meridionali e la fermezza degli Stati Uniti.

• Leggi anche: Naufragio di migranti nel Canale della Manica: un ‘film horror’

• Leggi anche: 27 migranti muoiono in un naufragio nel Canale della Manica

“53 persone sono morte e altre tre sono rimaste gravemente ferite”, ha detto l’ufficio del pubblico ministero in una nota.

Una prima valutazione ha riferito che 49 persone sono state uccise e 40 ferite, di cui tre gravemente, e 18 persone sono rimaste leggermente ferite in questo incidente vicino a Tuxtla Gutierrez, la capitale dello stato del Chiapas (sud) al confine con il Guatemala.

I migranti sarebbero stati stipati in un camion, secondo le prime spiegazioni fornite dalla stampa della Protezione civile. I media locali hanno riferito che il camion in corsa si è ribaltato dopo aver sbattuto contro un muro.

“Secondo le testimonianze dei sopravvissuti, la maggior parte di loro proviene dal Guatemala”, ha affermato Luis Manuel Garcia, direttore regionale della protezione civile.

Il presidente guatemalteco Alejandro Giamatti ha promesso “tutta l’assistenza consolare necessaria, compresi i rimpatri” in un messaggio di condoglianze e solidarietà su Twitter.

“Sono profondamente dispiaciuto per la tragedia causata dal ribaltamento di un camion in Chiapas che trasportava migranti centroamericani. Il suo omologo messicano, Andres Manuel Lopez Obrador, ha twittato: “È molto doloroso”.

L’Istituto nazionale per le migrazioni ha dichiarato in una nota che ai sopravvissuti verranno dati “biglietti da visita umanitari” oltre agli aiuti umanitari (cibo, alloggio).

READ  Messico | Storm Grace diventa un uragano di categoria 3

L’Istituto nazionale per le migrazioni (INM) si coordinerà con le autorità locali e federali per “fornire assistenza consolare, identificare i corpi e coprire le spese funerarie”.

Immediatamente dopo l’incidente, gli assistenti hanno prelevato i corpi dal camion dell’incidente e li hanno coperti con un lenzuolo bianco o una semplice coperta a terra, secondo le foto ottenute dall’AFP.

E subito dispiegarono le forze della Croce Rossa, i vigili del fuoco e le ambulanze. I feriti sono stati trasferiti negli ospedali pubblici e privati ​​della zona.

L’incidente è avvenuto nello stato del Chiapas, porta d’ingresso per gli immigrati dal Centroamerica (principalmente Honduras ed El Salvador) che speravano di raggiungere gli Stati Uniti.

Il loro trasporto su camion è uno dei mezzi consueti utilizzati dai contrabbandieri.

Altri migranti preferiscono attraversare il Paese in “roulotte” a piedi, cogliendo l’occasione per rivendicare i propri diritti.

“Abbiamo bisogno di alternative all’immigrazione e di canali legali per evitare tragedie come questa”, ha affermato la sezione messicana dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati nel suo messaggio di cordoglio.

Un corridoio tradizionale, il Messico sta affrontando quest’anno con arrivi record di immigrati provenienti non solo dall’Honduras e da El Salvador, ma anche da Haiti.

Da gennaio a ottobre, il Paese ha registrato 108.195 domande di asilo, un numero record, secondo gli ultimi dati ufficiali.

Gli Stati Uniti, dal canto loro, mostrano fermezza nei confronti degli immigrati. Il loro viaggio è “estremamente pericoloso e non avrà successo”, ha avvertito il segretario di Stato Anthony Blinken durante un viaggio in Messico all’inizio di ottobre.

L’incidente è avvenuto lo stesso giorno in cui i primi due immigrati dagli Stati Uniti sono stati restituiti in Messico nell’ambito di un programma istituito dall’ex presidente Donald Trump, sospeso da Joe Biden, ma riattivato con una decisione della Corte suprema degli Stati Uniti.

READ  Presidenti e celebrità si oppongono pubblicamente alle leggi elettorali "discriminatorie"

I migranti devono aspettare in Messico per ottenere una risposta alla loro domanda di asilo negli Stati Uniti, secondo questo programma chiamato “Quedate en Mexico” (il resto in Messico).

Un’altra agenzia delle Nazioni Unite, l’Ufficio internazionale per le migrazioni, ha ritenuto urgente porre fine “al più presto e definitivamente” a questo programma “disumano e contrario al diritto internazionale”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *