Dopo 6 anni nello spazio, lo sperma liofilizzato dà alla luce piccoli topolini | scienza | notizie | il Sole

DrRicercatori così preoccupati si chiedevano se questa radiazione potesse, a lungo termine, influenzare le capacità riproduttive degli esseri umani, così come gli animali che li avrebbero accompagnati nelle loro nuove vite. Per rispondere a questa domanda, è stato lanciato un esperimento scientifico su larga scala e i suoi risultati sono stati pubblicati venerdì sulla rivista progresso scientifico, un po’ rassicurante.

Dopo aver trascorso quasi sei anni in orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), lo sperma di topi già liofilizzati è stato in grado di dare alla luce, una volta tornato sulla Terra, un gruppo di topi sani. Le radiazioni dallo spazio includono il “vento solare, i raggi cosmici” emessi dal sole o dall’esterno del sistema solare, che sono noti per danneggiare il DNA. Ma secondo i ricercatori, “lo sperma liofilizzato potrebbe teoricamente essere conservato sulla Stazione Spaziale Internazionale per 200 anni” senza problemi, ha detto all’AFP il ricercatore capo del lavoro, Teruhiko Wakayama, professore alla Yamanashi University in Giappone.

“leggera” anomalia

Il progetto è iniziato nel 1997. Teruhiko Wakayama, che sognava di essere un astronauta ed era un vorace lettore di fantascienza, ha dimostrato per la prima volta con il suo team che i topi possono effettivamente nascere da sperma liofilizzato. Questo è un requisito pratico: in questa forma i campioni possono essere conservati a temperatura ambiente per più di un anno. In caso contrario, dovranno essere inviati ai frigoriferi che non sono disponibili a bordo dei missili.

Anni dopo, i ricercatori hanno raccolto lo sperma di 12 topi, che sono stati collocati in sei piccole scatole contenenti ciascuna 48 fiale, non più grandi di una penna. Tre di queste scatole sono rimaste in Giappone per fungere da punto di confronto e tre di esse sono decollate verso la Stazione Spaziale Internazionale nell’agosto 2014. A bordo della stazione, gli astronauti le hanno messe in frigoriferi a -95 gradi Celsius.

READ  Primo regionale alla Union Clinic: chirurgia al ginocchio in aumento

La prima scatola è stata restituita sulla Terra nove mesi dopo, per dimostrare la fattibilità dell’esperimento. Il secondo fondo è rimasto a bordo fino a maggio 2016 (cioè due anni e nove mesi). Infine, il terzo è stato riportato sulla Terra nel giugno 2019, dopo aver trascorso 5 anni e 10 mesi nello spazio. Quindi i ricercatori hanno osservato il DNA dello sperma. “Misurando il danno al DNA, non c’era alcuna differenza significativa tra i campioni tenuti nello spazio per tre o sei anni, o quelli conservati sulla Terra”, ha spiegato Teruhiko Wakayama.

Una volta fecondate le uova, sono state scoperte anomalie cromosomiche “minori” negli spermatozoi che avevano trascorso anni in assenza di gravità. Ma questo danno non ha influenzato il loro sviluppo.

400 “topi spaziali”

Gli embrioni, infatti, sono stati coltivati ​​in laboratorio, e poi alcuni di essi sono stati trapiantati in topi femmina. In tutto, 243 topi sono nati da spermatozoi che sono sopravvissuti a circa 3 anni nello spazio e 168 di quelli che sono sopravvissuti a circa 6 anni di età.

“Guardando i tassi di natalità di questi embrioni, non c’era differenza tra quelli conservati sulla Terra o nello spazio, se avevano 3 o 6 anni”, ha detto Teruhiko Wakayama. Tutti i cuccioli avevano un aspetto normale (…) e non sono state trovate anomalie”. Sono stati studiati cinque campioni nati da spermatozoi che avevano trascorso 3 anni sulla Stazione Spaziale Internazionale per tutta la loro durata. I ricercatori hanno scoperto che la loro aspettativa di vita è appena al di sotto Aspettativa di vita media. Ma questi risultati devono essere confermati dallo studio, ancora in corso su altri campioni, generati da parte sua da spermatozoi che hanno trascorso quasi 6 anni nello spazio.

READ  Gli insegnanti di scienze e matematica, a loro volta, chiedono modifiche agli esami di fine anno

Infine, i “topi spaziali” sono stati accoppiati, dando origine a nuovi esemplari, che a loro volta hanno prodotto una terza generazione. Secondo lo studio, è stato scoperto che “tutti i figli sono normali”.

Per il coautore, questi risultati sono “positivi per la conservazione a lungo termine delle risorse genetiche”. Invece di portare con sé diversi animali viventi esausti, gli umani che migreranno su un altro pianeta, per prevenire qualsiasi consanguineità che porta alla degenerazione, saranno in grado di portare avanti lo sperma liofilizzato, spiega Teruhiko Wakayama. Tuttavia, l’altitudine alla quale orbita la Stazione Spaziale Internazionale (400 km) beneficia ancora dello scudo magnetico protettivo della Terra. Inoltre, le radiazioni sono più intense, quindi in futuro dovrebbero essere condotti ulteriori esperimenti lì, secondo i ricercatori.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *