Donald Trump trascina giù il Partito Repubblicano: lo scenario del 2016 si ripete

Donald Trump trascina giù il Partito Repubblicano: lo scenario del 2016 si ripete

Il progresso non cambia, ma la capacità di ricordare. George Santayana ha sostenuto che coloro che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo.

Le famose parole del filosofo sembrano essere state eseguite per il bene del Partito Repubblicano del 2023.

Già molti candidati

Ricordo ancora la mia divertente reazione quando Donald Trump scese i gradini della Trump Tower per annunciare la sua candidatura per la rielezione del 2016. Ha ceduto alla corsa per tornare a quello che gli riesce meglio: dare spettacolo.

Per quanto riguarda lo spettacolo, avevo ragione, ma niente ci ha preparato per le conseguenze di una gara completamente folle in cui avremmo trovato fino a 17 candidati!

Il resto della storia, lo sai. Sorprendentemente entusiasti, imprudenti o eccessivamente orgogliosi dei sostenitori di Trump, molti candidati sono rimasti oltre ogni ragionevolezza, dividendo il voto e lasciando che il futuro 45H Testa ad accumulare vittorie durante le primarie.

Gli strateghi del GOP sanno che devono evitare questo scenario eppure il numero di nomination aumenterà di due questa settimana. Venerdì scorso, il senatore Tim Scott ha formalizzato la sua partecipazione e Ron DeSantis dovrebbe fare lo stesso nei prossimi giorni.

Nikki Haley, Ryan Binkley, Larry Elder, Asa Hutchinson, Perry Johnson, Vivek Ramaswamy e Trump dovrebbero essere aggiunti a questi due nuovi giocatori.

Già nove nomination e si ritiene che Mike Pence si tufferà nella mischia mentre personaggi noti come Greg Abbott, Chris Sununu, Glenn Youngkin e Kristi Noem sono nel bastardo. È decisamente troppo.

Trump non può più vincere

Domenica, il senatore repubblicano della Louisiana Bill Cassidy ha osato dire cosa pensano sempre più repubblicani senza riconoscerlo pubblicamente. Intervista di Jake Tapper sullo show stato dell’unione, Pubblicazione: “Non credo che Trump possa vincere le elezioni generaliL’ex presidente perderà contro Biden.

READ  Cuba: Accordo su un nuovo piano di rimborso del debito

Nonostante la lealtà della sua base, Donald Trump non può più erodere voti altrove dall’elettorato. Molti elettori sono stanchi del circo perpetuo e non intendono premiarlo con un numero record di cause legali gravi o gravissime.

Mancano ancora alcuni mesi all’inizio delle primarie, ma gli strateghi di partito dovranno reagire rapidamente per decidere chi dovrebbe essere favorito rispetto a Trump sperando che gli altri cedano il passo.

La formazione repubblicana non manca di candidati capaci di isolare Biden. DeSantis, Haley e soprattutto Tim Scott possono ferire seriamente l’incumbent, ma prima devono evitare di giocare al gioco di Donald Trump.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *