“Domare” un cavallo non era così facile

“Domare” un cavallo non era così facile

secondo analisi Un confronto tra 475 antichi genomi di cavalli provenienti da Europa e Asia è stato pubblicato il 6 giugno sulla rivista naturaL’evoluzione accelerata di questo lignaggio iniziò circa 4.200 anni fa – più tardi di quanto precedenti ricerche lasciavano credere – nella regione steppa che si estendeva dal Mar Nero settentrionale ai monti Urali, attraverso parte dell’Ucraina e della Russia. – egli è chiamato Steppa del Ponto. In breve tempo il divario medio tra due generazioni di cavalli è aumentato da 8 anni a 4 anni.

Non si sa molto sugli allevatori di questa regione e di questa epoca, ma è degno di nota il fatto che i loro sforzi abbiano dato a questa linea di cavalli la superiorità Fino a diffondersi poi in tutto il mondo. Tutti i cavalli domestici oggi sono i loro discendenti. Forse Questo sforzo è quello di accelerare la riproduzione Corrisponde al desiderio di utilizzare il cavallo come mezzo di trasporto più veloce, o come animale per trainare i carri.

Il primo tentativo di allevamento di cavalli ebbe luogo 5.500 anni fa, più a est, nelle steppe dell’odierno Kazakistan. Potrebbe essersi concluso con un fallimentoI genomi di questo periodo rivelano che questo lignaggio non lasciò prole.

Il team è guidato dal paleontologo Ludovic Orlando, del Centro di Biologia Antropologica e Genomica Dall’Università Paul Sabatier di Tolosa, avevano già stabilito, nel 2021, che la steppa del Ponto era il luogo originale di questo successo di addomesticamento. Anche Orlando ha firmato nel 2019 studioSulle razze equine estinte, con un focus fugace su quanto il cavallo come lo conosciamo sia impoverito nella sua diversità genetica, rispetto a quello che erano i cavalli qualche migliaio di anni fa, o addirittura qualche secolo fa.

READ  Come il nostro cervello costruisce i nostri ricordi mentre dormiamo

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *