Documenti sequestrati a Mar-a-Lago: Trump chiede l’intervento della Corte Suprema

Martedì l’ex presidente Donald Trump ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di intervenire nel caso relativo ai documenti sequestrati questa estate nella sua residenza di Mar-a-Lago, in Florida.

• Leggi anche: Gli archivi nazionali: i membri dell’entourage di Trump conservano ancora i documenti

• Leggi anche: Indagini su Donald Trump

• Leggi anche: Trump denunciato per evasione fiscale

Il miliardario repubblicano ha presentato ricorso urgente alla Corte di Cassazione per impedire al ministero della Giustizia di esaminare 100 documenti contrassegnati come “segreti” sequestrati in questa occasione.

Questo ricorso non riguarda la legittimità della spettacolare perquisizione di agosto da parte della Polizia Federale a Mar-a-Lago, né affronta alcuna questione di merito.

Sta solo impugnando una decisione della Corte d’Appello che ha autorizzato il ministero a esaminare questi documenti senza attendere le conclusioni di un esperto indipendente, incaricato di esaminare 11.000 documenti sequestrati.

La Corte Suprema, che Donald Trump ha radicalmente revisionato durante il suo mandato, non è obbligata ad accettare il suo ricorso. Sebbene avesse sei giudici conservatori su nove, in realtà gli ha causato battute d’arresto, in particolare rifiutandosi di sostenerlo nella sua crociata post-elettorale.

Questa nuova battaglia legale riguarda gli archivi della Casa Bianca. Quando ha lasciato l’incarico nel gennaio 2021, Donald Trump ha preso intere scatole di documenti. Tuttavia, una legge del 1978 richiede a qualsiasi presidente degli Stati Uniti di inviare tutte le sue e-mail, lettere e altri documenti aziendali agli archivi nazionali.

Nel gennaio 2020 ha finalmente dato loro quindici scatole. Dopo averli esaminati, la polizia federale ha stimato che potrebbe aver tenuto altri nella sua casa di lusso a Mar-a-Lago. Gli agenti dell’FBI si sono recati lì per la prima volta a giugno e si sono convinti che non tutti i documenti erano stati consegnati loro.

READ  "Resta in Messico" | La Corte Suprema afferma che la politica sull'immigrazione deve presentare ricorso

L’8 agosto hanno condotto una perquisizione senza precedenti sulla base di un memorandum di “mantenere documenti segreti” e “ostacolare un’indagine federale” e hanno confiscato una trentina di altri fondi.

Dal momento che Donald Trump, flirtando con l’idea di candidarsi per la rielezione nel 2024, si è detto “perseguitato” politicamente e assicura che i documenti sequestrati siano personali o declassificati.

È stato anche citato in giudizio in una causa civile dai tribunali di New York, che lo accusano di aver manipolato i beni del suo gruppo per ottenere prestiti più vantaggiosi o abbassare le tasse.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.