Diffamazione di un autore: Donald Trump offre una cauzione per più di 90 milioni di dollari

Diffamazione di un autore: Donald Trump offre una cauzione per più di 90 milioni di dollari

Venerdì Donald Trump ha versato una cauzione da 91,6 milioni di dollari alla corte federale di New York per appellarsi contro una sentenza da 83,3 milioni di dollari ricevuta nel caso di diffamazione contro l'autore E. Gene Carroll, secondo un documento del tribunale.

• Leggi anche: Biden lancia un attacco diretto a Trump nel discorso sullo stato dell'Unione

• Leggi anche: Trump pagherà le spese legali dell’ex spia britannica dopo l’archiviazione della denuncia

Questa cauzione garantita dovrà servire a coprire un'eventuale conferma della condanna emessa il 26 gennaio, ed era una condizione per l'esame del ricorso da parte del sistema giudiziario americano.

È stata depositata mentre Donald Trump, ora unico candidato repubblicano alla Casa Bianca il prossimo novembre, è stato condannato il 16 febbraio a multe per un valore di 355 milioni di dollari, esclusi gli interessi per oltre 100 milioni di dollari, in un altro caso. Accusato di massiccia frode finanziaria all'interno del suo impero immobiliare.

In questo caso, Donald Trump ha offerto una cauzione da 100 milioni di dollari per poter ricorrere in appello, offerta che il giudice ha respinto alla fine di febbraio.

Le somme di denaro dovute dal candidato 77enne nelle sue cause legali, che ammontano a più di 500 milioni di dollari, potrebbero diventare un ostacolo alla sua campagna elettorale.

Il 26 gennaio, una giuria popolare ha stabilito che l’ex presidente degli Stati Uniti deve pagare la massiccia somma di 83,3 milioni di dollari a titolo di risarcimento all’ex scrittore di Elle, E. Jane Carroll, accusata di diffamarla dopo che lo scrittore l'aveva accusata nel 2019 di averla violentata negli anni '90.

READ  Sogni la vita eterna? È possibile... in teoria

Donald Trump era già stato condannato qualche mese prima a pagarle 5 milioni di dollari per altre dichiarazioni diffamatorie e perché una giuria lo aveva ritenuto responsabile di averla aggredita sessualmente nel 1996.

Affronta anche accuse penali in quattro casi distinti, inclusi i suoi presunti tentativi illegali di ribaltare il risultato della campagna presidenziale del 2020.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *