Detenzione carceraria. Un centinaio di detenuti si rifiutano di tornare nelle proprie celle

Detenzione carceraria.  Un centinaio di detenuti si rifiutano di tornare nelle proprie celle

Una prigione vicino a Minneapolis, nel Minnesota, è stata chiusa sabato pomeriggio, poiché quasi 100 detenuti si sono rifiutati di tornare nelle loro celle.

I membri della squadra di crisi sono stati inviati sul posto per negoziare con i detenuti, ha riferito BBC News.

Secondo le prime informazioni dei media inglesi, la loro protesta è legata alle condizioni in cui si trovano nel Minnesota Correctional Facility.

Nel mezzo di un’ondata di caldo, la carenza di personale faceva sì che i detenuti rimanessero confinati nelle loro celle per diverse ore, anche se non avevano l’aria condizionata.

Secondo il sindacato del personale dell’istituto, AFSME Council 5, la carenza di personale sarà un grave problema in questo carcere.

Il commissario penitenziario Paul Schnell ha detto alla CNN che i detenuti non sono stati in alcun modo violenti durante la loro protesta.

“Si sedevano ai tavoli, giocavano a carte e parlavano tra loro”, dice Paul Schnell.

L’unità d’intervento tattico è stata schierata “a titolo precauzionale”, secondo un portavoce della prigione.

In totale, in questa prigione sono detenute circa 1.200 persone.

READ  X, ex Twitter, è nel mirino del governo americano

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *