Cosa dice il primo segnale radio di Venere in 30 anni?

Durante il suo terzo passaggio vicino a Venere, la sonda solare Parker ha registrato un segnale radio dal pianeta. O meglio la sua atmosfera. Un segnale del tutto naturale, ma potrebbe consentire agli astronomi di capire meglio come Venere si è evoluta per raggiungere la sua faccia odierna.

Parker Solar ProbeÈ, come suggerisce il nome, una sonda spaziale attualmente in orbita verso di noi Solly. Lungo la strada, la missione si è intersecata con Venere, Fornito diversi ricercatori Viste mozzafiato Sul pianeta. Già parecchie volte. L’opportunità di Astronomi della NASADurante la sua ultima visita, per una misura diretta, per la prima volta in quasi 30 anni,Atmosfera Dal pianeta. E hanno scoperto lì … un suggerimento Radio. Il segnale a bassa frequenza è molto normale. Ma chi può informare Scienziati di astronomia Su come e perché Venere e la nostra Terra si sono evolute in modo diverso.

Perché lo stesso tipo di segnale era già stato registrato dalla missione Galileo, Accanto a Giove. Dalla sua parte La ionosfera, più accurato. Prova, quindi, che Parker Solar Probe Lui stesso stava attraversandoLa ionosfera Venere. Uno strato elettricamente carico dell’atmosfera superiore del pianeta emette naturalmente onde radio. Benedizione!

Un’atmosfera che vive al ritmo dell’attività solare

I dati restituiti da Parker Solar Probe hanno già consentito agli astronomi di calcolare la densità di questa ionosfera. L’ultima volta che ci sono riusciti, grazie alla missione Pioneer Venus OrbitaNel 1992 il sole era al massimo della sua attività. Oggi è l’opposto. Vivi il nostro sole Attività minima. I ricercatori sperano quindi di poter verificare la loro ipotesi – basata sulle osservazioni sulla Terra – che la ionosfera di Venere sia molto più sottile durante l’attività solare minima. Questo è fatto adesso.

READ  Il rapporto degli specialisti afferma che l'insufficienza cardiaca necessita di una migliore individuazione e trattamento

CosìJoe Venus Avrà perdite. Ma è strano che questo pianeta sia privo di campo magnetico Protettivo, non durante i periodi di massima attività solare. Ma durante i periodi inferiori. Capire perché la ionosfera di Venere si è assottigliata vicino al limite inferiore del Sole dovrebbe aiutare i ricercatori a determinare come un pianeta, che era simile a quello della Terra – e ancora simile per dimensioni e struttura – ha evoluto la sua atmosfera per diventare molto diverso. Forse anche questo potrebbe aiutare a svelare il mistero dell’abitabilità dei pianeti …

Ti interessa quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *