Confrontando l’inappropriato Infantino con i lavoratori migranti in Qatar

In risposta a una domanda sulla sorte dei lavoratori stranieri nei cantieri per i Mondiali del 2022 in Qatar, Gianni Infantino, presidente della FIFA, ha confrontato la situazione dei suoi genitori, immigrati dall’Italia… in Svizzera.

Controversa nuova edizione di Gianni Infantino. Durante una conferenza d’affari in California, gli è stato chiesto del destino di migliaia di migranti che a volte vengono sfruttati in Qatar per costruire infrastrutture per i Mondiali del 2022. Il presidente della FIFA ha colto l’occasione per compiacere il raduno con una risposta tanto inaspettata quanto è stato drammatico.

Gli svizzeri – che non sono proprio apprezzati – si sono messi in chiaro – secondo i commenti portati dall’Associated Press – ai massimi livelli nel mondo del calcio dopo la sua gravissima proposta di giocare il Mondiale ogni due anni.

Secondo il quotidiano Guardian, più di 6.500 persone sono state uccise nei cantieri

Gianni Infantino potrebbe aver dimenticato che i lavoratori migranti in Qatar non hanno solo vissuto “condizioni difficili”. Un certo numero è stato privato della libertà e 6.500 sarebbero morti nei cantieri, secondo una stima di The Guardian nel febbraio 2021. In confronto, la Svizzera, citata da Infantino, accoglie famiglie di immigrati e offre spettacoli gratuiti. insegnare ai loro figli.

Infantino ha sottolineato che “la FIFA non è la polizia mondiale né responsabile di tutto ciò che accade nel mondo”, senza mettere in discussione i numeri presentati dai giornalisti. Un discorso diverso da quello che ha pronunciato qualche mese fa, quando ha assicurato al Parlamento europeo che solo tre persone erano morte nei cantieri in Qatar.

READ  Davvero una buona notizia per gli azzurri!

In un rapporto pubblicato qualche settimana fa, Amnesty International ha denunciato ancora una volta il dilagante lavoro forzato in Qatar. Nel frattempo, Amnesty International ha stabilito contatti con la Federcalcio francese nella speranza che la federazione prenda una posizione pubblica e poi faccia ciò che è necessario per incoraggiare il rispetto dei diritti umani mentre è in Qatar.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.