Conflitto nel Tigray | L’Eritrea ritira le sue forze dall’Etiopia

Il governo etiope, sotto le intense pressioni degli Stati Uniti, ha finalmente ammesso questa settimana, dopo mesi di esilio, al dispiegamento delle forze eritree nel Paese a sostegno di un’offensiva militare lanciata a novembre sulla provincia ribelle del Tigray.


Mark TeibodoMark Teibodo
Giornalismo

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed, che giovedì ha incontrato il presidente eritreo Isaias Afwerki per discutere della situazione, ha confermato venerdì che la sua controparte aveva accettato di riportare rapidamente a casa i suoi soldati tra le accuse di crescenti violazioni nei loro confronti.

Abi Ahmed ha sottolineato che le forze sono state dispiegate vicino ai confini tra i due paesi per impedire che le terre eritree diventassero un bersaglio per gli attacchi del Fronte di Liberazione Popolare del Tigray in una guerra aperta con il regime etiope.

Martin Plott, specialista distrettuale presso l’Università di Londra, osserva che i soldati eritrei sono stati infatti chiamati come rinforzi da Addis Abeba per cercare di superare le tendenze indipendentiste dei leader del Tigray e ridurre i rischi di balcanizzazione del Paese. . Un Paese che soffre di tensioni etniche. “Hanno svolto un ruolo centrale nei combattimenti nel Tigray”, ha detto l’esperto.

Foto fornita dall’ufficio del primo ministro etiope, Agence France-Presse

Giovedì il presidente eritreo Isaias Afwerki ha incontrato il primo ministro etiope Abiy Ahmed per discutere il ritiro delle forze eritree dal territorio etiope.

Il primo ministro Abe, che ha ricevuto il Premio Nobel per la pace nel 2019 per i suoi sforzi per riconciliarsi con l’Eritrea dopo anni di guerra civile, ha lanciato l’attacco al Tigray dopo che il Fronte di liberazione popolare del Tigray ha sfidato la sua autorità organizzando elezioni locali non autorizzate.

READ  British lawmakers approve the Brexit deal

Oltre a cercare il sostegno di un folto gruppo di soldati eritrei che Human Rights Watch e Amnesty International hanno accusato di aver ucciso centinaia di civili, il governo ha chiesto l’aiuto degli Amhara, un gruppo etnico con una lunga storia di conflitti. È partito con i Tigray per questioni regionali.

Migliaia di combattenti sono pronti

L’esercito nazionale ei suoi alleati avanzarono rapidamente e presero il controllo della capitale, Tigray, con relativa facilità, consentendo al Primo Ministro di dichiarare la vittoria alla fine di novembre.

L’annuncio è stato fuorviante, tuttavia, poiché il TPLF, che aveva migliaia di combattenti pesantemente armati, ha ritirato gran parte delle sue forze sulle montagne vicine per intraprendere una guerra di guerriglia in corso.

Possono colpire i convogli di rifornimenti governativi che si muovono nell’area quasi come desiderano senza subire perdite. L’onorevole Plot osserva, che è preoccupato che il conflitto possa alimentare le tensioni etniche in Etiopia e portare al balcanismo.

Il ricercatore spiega che il modello di “federalismo etnico” sviluppato in Etiopia all’inizio degli anni ’90, dopo la caduta della giunta militare che ha governato a lungo nel terrorismo, sta ora mostrando i suoi effetti potenzialmente devastanti.

Il Fronte di liberazione popolare del Tigray, che faceva parte della coalizione di movimenti disparati che hanno abbattuto l’esercito, ha svolto un ruolo cruciale nel nuovo governo centrale, consentendo a molte minoranze di stabilire la propria amministrazione e forze regionali.

La presa dei Tigray sul paese ha alimentato il malcontento di molti funzionari regionali eletti a favore dell’ascesa al potere di Abiy Ahmed nel 2018, che ha accelerato l’emarginazione politica di questo gruppo etnico e ha esacerbato lo stesso. A novembre è scoppiato un nuovo conflitto militare e l’arrivo delle forze eritree.

READ  The Grosse Pointe Woods liquor business has been temporarily closed after the beer is accidentally shipped into the state

Prima di ammettere la loro presenza sul territorio nazionale e promettere di perseguire i responsabili di violazioni ai danni della popolazione civile, anche nelle file dei militari etiopi, il primo ministro Abe aveva mantenuto una posizione rigida, escludendo ogni soluzione negoziata. Con i “terroristi” del TPLF.

Washington Precision si è incontrata

La crescente pressione da parte dell’amministrazione del nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden per chiedere un cessate il fuoco e la fine delle violazioni dei diritti umani, tuttavia, ha cambiato le regole del gioco per il governo etiope, ha detto Plott.

Il ricercatore afferma che “l’Etiopia non può sopportare la perdita del sostegno degli Stati Uniti”, il che è particolarmente evocativo del fatto che Addis Abeba è in conflitto con il Sudan per lo sviluppo di un grande progetto idroelettrico.

Reuters ha riferito che il primo ministro Abe martedì ha assicurato al parlamento che il suo paese ha già “molti problemi” e non vuole la guerra con il suo vicino.

“È meglio risolvere la crisi in modo pacifico”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *