Christophe Honoré, con il suo “Le Lycéen”, è l’erede del film di Wilhelm Meister Goethe, Le Monde…

Stiamo parlando del bau…

Un’attività salutare che consiste nell’andare a lavorare di fronte alla capanna, la parola viene dalla lingua inglese, e questa parola woofing trovo

Nell’intervista a un ventenne intervistato da Le Monde, Paul Kercher che va in Islanda a vivere con un allevatore di pecore, perché è stato attratto dalla fine del mondo da quando ha letto

“Believe in Wild Beasts” di Nastasja Martin, Un antropologo francese ha raccontato il suo cuore spezzato dopo essere stata lasciata sanguinante da un orso in Kamchatka.

E così, sfogliando la stampa, mi nutro delle iterazioni altrui. Perché in fondo, se il mondo mette in discussione Paul Kercher, è perché figlio di attori e attore stesso, interpreta un ragazzo i cui sentimenti superano il lutto del padre, in High School Student, film diretto da Christophe Honoré. La sua storia, di cui leggerai bellissime e meravigliose frasi in Télérama, Canard enchaîné, la croce e

Sito Tahrir – dove Sandra Onana ci racconta che impariamo a conoscere i film di Christophe Honoré attraverso una musica familiare : “Il rumore dei piatti che vengono lavati in casa mentre persone malinconiche, non sapendo cosa fare con le proprie mani, si danno da fare in cucina. Questa preoccupazione per i piatti sporchi dà la certezza che i personaggi sono sopravvissuti a se stessi, risuonando quando sembrano scontro pronto ad affondare le lotte che loro non vogliono combatterlo. Leggendo questo, grazie amico, sto pensando ai rumori che si sentono in casa mia…

Au Monde Paul Kircher afferma che per il ruolo, Honoré gli ha regalato un vecchio libro della sua biblioteca intitolato “Tenerezza sulla pelle”, su un ragazzo gay negli Stati Uniti negli anni ’60, e gli ha consigliato di vedere “Un nostro amore per Pialat – il cinema come il giornalismo viaggia…

Il mondo insegna anche a me Dei romanzi e dei film che parlano della perdita dell’adolescenza,

Sono tratti da “Anni di apprendistato” di Wilhelm Meisterdi Goethe pubblicato nel 1796… Siamo venuti da lontano…

Télérama resta al cinema e va a Quimperdove convivono Katorza, cinema d’autore e il famoso complesso di Cinéville, il pubblico non si mescola – a Cinéville gli adolescenti vanno a vedere la Marvel, non conoscono davvero il cinema francese, ma andremo al prossimo Asterix perché ci recita Zlatan Ibrahimovic …

Télérama riceve di nuovo Christian Bruel, che scrive e pubblica libri per bambini, e li valorizza così tanto che osa usare la parolaccia “politica” nella loro letteratura, perché le letture per bambini fanno la morale degli adulti. Broyle critica il vecchio Becassin che ha criticato il suffragio 110 anni fa, ma saluta un vecchio papà castoro, “Red Hen”, perché racconta la storia di due femmine, una gallina e una colomba che decidono di vivere insieme, era straordinario nel 1947…

La Tahrir Fair for Young Writers si arrende ai suoi autori che, in un vortice di disegni e parole, ci invitano alla disobbedienza…

Qui la disobbedienza è anche la questione dell’Unoperché ridefinisce la politica, questa disobbedienza… Parliamo di ecologia e femminismo, sentiamo José Bovi, ma anche l’identità di estrema destra disobbedisce – e leggiamo una poesia su un eremita che non voleva essere papa nel mezzo Età “Colui che rifiuta non rimpiange nulla eppure lo supera Questo non è esatto per tutta la sua vita.”

E a proposito di ingiustizia…

Cosa è successo a Letitia, originaria della regione di Balfour e appassionata di viaggi,

che racconta l’oriente repubblicano, Come impedire l’emissione dell’area M6 dopo che l’ho seguita viaggio su strada La sua famiglia è negli Stati Uniti, lei pasticcia con le foto e inventa una didascalia che la fa sembrare la più avara di Francia, di quelle che vietano ai suoi figli le giostre nei parchi di divertimento – beh, il figlio autistico di Laetitia non è mai scappato… come rimediare .

Ma chi sono io per giudicare, io che ieri sono stato attribuito al settimanale dissidente Civil War Dialogue di Michel Houellebecq e Michel Onfray, pubblicato da Front Populaire. L’affinità fonetica e storica dei titoli potrebbe spiegare la mia confusione, ma in fondo il Fronte Popolare, la cui misantropia tende all’estrema destra, e

Il liberale e satirico Frank-Tyror, che pubblica un numero speciale sugli informatoriDove, accanto a Cassandro e ad Assange, ci porta Proust che ci mette in guardia dai pericoli dell’amore, “Dove entriamo con l’illusione, dove ci nutriamo di bugie, e dove usciamo dalla stanchezza…”

Alla croce ho incontrato l’Herero De Bobigny, che ha visto bruciare il suo ufficio da una cliente scontenta di non essere lì a fornirgli un documento, è in carcere…

In Voice of the North ho incontrato Leo Taquin, Il corriere terrestre di Uwe Plage, che deve 205.000 euro allo stato britannico, consegna in Inghilterra, è passato 333 volte a Londra nella zona a bassissima emissione di carbonio della capitale, dove devi pagare un pedaggio, non lo so, 333 va bene. Ha un avvocato.

Parliamo finalmente di un soldato…

Yves Guillot, che si arruolò nel 1947 all’età di 19 anni, credette in Dio, in Francia e nell’Occidente cristiano, e combatté in Corea e in Algeria, si convinse di essere in una crociata, e quando la Francia lasciò l’Algeria. , clandestino e figura nera dell’estrema destra globale, partecipò indubbiamente agli attentati che avrebbero destabilizzato l’Italia, poi si addentrò nei culti, nella spiritualità alternativa e nel misticismo Nuova era Dove è diventato un uomo di dialogo in trance spirituale, nella sua trance gridava “Sì, ho ucciso, ho ucciso”, parlava alla luce che guidava la sua vita. morto a marzo,

Il mondo ce lo dice in una casa di cura nel Var dove riceveva visite, parlava occasionalmente portoghese, abbracciava un peluche e aveva l’Alzheimer, ciò che restava delle sue tempeste.

Nella Francia occidentale leggi Anas Medmani, Un rifugiato dalla Siria ha presentato domanda nel 2015 per a Fotografia Con Angela Merkel, e questa gloria gli è valsa l’odio dell’estrema destra… Ma è diventato tedesco, si è laureato all’Università di Berlino, vuole fare il giornalista ed è cittadino tedesco, vive a Berlino, ha una compagna che è Ucraino.

In Le Progrès leggerete un giovane iraniano, una studentessa con noi, ha partecipato durante le sue vacanze alle prime manifestazioni contro il regime, così è andata in carcere, è uscita, e i suoi genitori l’hanno riportata qui, ma lei vuole tornare a casa per riprendere a combattere anche se questo significa la morte, lei dice- lei. Silenzio e rispetto.

READ  Il successo di Noelia "Tú" continua a far innamorare i cuori!

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.