Chi parla di estrema destra non capisce niente

Chi parla di estrema destra non capisce niente

In questi giorni si parla molto di “estrema destra”.

Dopo il successo del cosiddetto movimento alle elezioni europee, e ancora di più dopo l’inizio delle elezioni legislative anticipate in Francia, dove il partito giordano National Rally Party Bardella ha buone possibilità di vincere, ci siamo chiesti cosa rappresenti .

Inoltre, sempre più di loro mettono in discussione questa ridicola etichetta, “estrema destra”, a cui alcuni si aggrappano in modo così assoluto.

Un piccolo ricordo storico.

Estrema destra?

Dall’inizio degli anni ’80, i paesi europei hanno iniziato a rendersi conto dei problemi associati alla migrazione. È il caso della Gran Bretagna, ma soprattutto della Francia.

Naturalmente questi problemi non sono così grandi come lo sono oggi, ma sono già evidenti. Affrontando questo problema emersero, sebbene portassero anche un discorso socialmente conservatore, come reazione alle trasformazioni sociali degli anni ’60 e ’70.

Devo dire che a quel tempo anche i classici partiti di destra avevano una linea piuttosto conservatrice.

Poi il mondo è cambiato a partire dagli anni ’90, con la fine della Guerra Fredda.

All’improvviso, le società occidentali in generale si rivolgono alla globalizzazione e al suo risultato principale, che è la migrazione di massa.

Per lo meno, è la scelta delle élite globali e progressiste.

Quindi i partiti di sinistra abbracciano pienamente l’ideologia della diversità e il culto delle “minoranze”.

Per quanto riguarda i partiti di destra, sono esclusivamente allineati al neoliberismo e ad una visione puramente commerciale del mondo.

Ma molti di loro si sono sentiti abbandonati da questa nuova società che si è formata attorno al culto dell’”inclusione”, ma di fatto escludendo ideologicamente coloro che non la celebravano.

READ  Una gita sugli sci si trasforma in un incubo: restano bloccati tutta la notte in una cabinovia

Da allora, i partiti descritti come populisti sono emersi dai margini e hanno cominciato a imporsi.

Alcuni sono economicamente di sinistra, altri di destra, a seconda del paese. Ma questa non è la cosa principale. In genere si oppongono a una forma di astrazione culturale e politica accelerata.

È chiaro che la retorica di questi partiti preoccupa le élite globali che vogliono screditarli.

In ogni modo?

Dichiarandoli eredi del fascismo degli anni ’30, anche se non c’entravano nulla. Suggerendo che qualsiasi desiderio di proteggere i propri confini, preservare la propria identità culturale o non cedere ai capricci delle minoranze estremiste ha qualcosa a che fare con gli orrori del XX secolo.H un secolo.

Assorbendoli all’estrema destra. È il modo migliore per non pensare, o peggio, dire cose stupide pur volendo mostrare a tutti il ​​tuo atteggiamento arrabbiato.

Populismo

Come qualificarli? Da parte mia, mi riferisco alla destra nazionale, che generalmente è divisa tra una tendenza nazionalista conservatrice e una tendenza nazionalista populista.

Ripetiamo che entrambe le tendenze pretendono di essere democratiche. Possiamo criticare radicalmente questo movimento, senza riconoscere nulla nella sua visione del mondo. Ma cadiamo nel delirio quando lo demonizziamoEstrema destra.

Maledire coloro che critichi è il modo migliore per non capire quello che dicono.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *