ChatGPT può essere citato in giudizio per diffamazione per aver inventato il passato criminale del sindaco

ChatGPT può essere citato in giudizio per diffamazione per aver inventato il passato criminale del sindaco

Un sindaco australiano intende citare in giudizio ChatGPT per diffamazione se OpenAI non risolve la situazione dopo che il programma gli ha assegnato un passato criminale e un periodo dietro le sbarre per corruzione.

• Leggi anche: ChatGPT vietato in Italia, promette di “promuovere la trasparenza”

The Guardian ha riferito giovedì che questa sarà la prima causa per diffamazione contro gli script automatizzati.

Lo scorso novembre, Brian Hood, sindaco di Hepburn Shire, situata a nord-ovest di Melbourne in Australia, ha appreso che il programma lo aveva ritratto come uno degli autori di uno scandalo di corruzione che coinvolgeva una sussidiaria della Reserve Bank of Australia nei primi anni 2000.

Secondo lo spettacolo, il sindaco ha scontato una pena in prigione per il suo falso crimine. Sono stati i membri del pubblico ad avvicinarsi a lui per dirgli che AI ​​stava trascinando il suo nome nel fango.

Perché se proprio lui è stato implicato nello scandalo, è perché è stato lui ad avvertire le autorità di pagare tangenti a funzionari stranieri in cambio di appalti, gli avrebbero fatto notare i suoi avvocati secondo i media britannici.

“È davvero difficile per qualcuno guardare dietro a tutto questo e dire ‘Come ha fatto l’algoritmo a trovare questa risposta?'” È davvero poco chiaro”, ha affermato James Naughton, partner dello studio legale Gordon Legal.

Se l’errore non è stato corretto dopo 28 giorni, ha in programma di andare avanti con una causa e richiedere l’equivalente di circa $ 180.000.

READ  Irlanda: britannico arrestato per aver minacciato di uccidere un membro del Parlamento

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *