Cerca nel sito web di Trump | Il giudice valuta la nomina di un esperto per la revisione degli atti

(West Palm Beach) Giovedì un giudice statunitense, senza annunciare una decisione al momento, ha esaminato la richiesta di Donald Trump di nominare un esperto indipendente per esaminare i documenti sequestrati dall’FBI durante una perquisizione della sua casa in Florida, al fine di determinare se alcuni di essi potrebbe rimanere classificato.

Inserito ieri alle 17:16.

Il giudice federale Eileen Cannon, nominato da Donald Trump nel 2020, ha ascoltato gli avvocati repubblicani e i funzionari del Dipartimento di Giustizia durante un’audizione a West Palm Beach, in Florida.

E ha detto che in seguito deciderà di nominare una terza parte indipendente che l’ex presidente desidera, senza ulteriori dettagli al momento sulla data di questo annuncio, secondo le informazioni di diversi media americani.

La CNN ha citato uno degli avvocati di Trump, Christopher Case, dicendo che la nomina di un esperto indipendente rafforzerebbe la fiducia nelle indagini e “ridurrebbe la tensione” nel Paese.

I rappresentanti del dipartimento hanno affermato che Trump non era più presidente e non poteva affermare di aver conservato i documenti.

Dopo la sorprendente e senza precedenti operazione di polizia di un ex presidente degli Stati Uniti, condotta dall’FBI l’8 agosto a Mar-a-Lago, in Florida, Donald Trump ha attaccato e ripetuto un atto che considera “illegittimo e incostituzionale” dopo essere stato preso di mira per ragioni politiche.

Trump, che più francamente flirta con l’idea di una nuova candidatura nel 2024, ha così chiesto ai giudici di nominare un esperto per rivedere i documenti sequestrati e determinare cosa potrebbe essergli restituito o classificato come “segreto” – e quindi non sarebbe utilizzabile nelle indagini a suo carico.

READ  L'Ucraina vince l'Eurovision

Il Dipartimento di Giustizia si è opposto fermamente a tale nomina, affermando che potrebbe bloccare l’accesso degli investigatori ai documenti e “danneggerebbe gravemente gli interessi del governo, inclusa la sicurezza nazionale”.

Secondo il documento del ministero, i testi top secret sequestrati dalla casa dell’ex presidente “probabilmente sarebbero stati nascosti” per ostacolare le indagini della polizia federale che lo hanno preso di mira.

A gennaio, le squadre dell’ex presidente hanno consegnato 15 scatole di documenti che aveva preso quando ha lasciato la Casa Bianca agli Archivi Nazionali, che sono responsabili della registrazione delle attività presidenziali per la storia.

Dopo aver esaminato queste scatole, l’FBI, convinto che Donald Trump conservasse altri documenti riservati in Florida in condizioni potenzialmente inadeguate, ha deciso di perquisire e in questa occasione ha confiscato una trentina di altre scatole di documenti.

Gli investigatori sospettano che il repubblicano abbia violato l’US Spionage Act, che regola rigorosamente il possesso di documenti riservati. Donald Trump ha confermato che questi documenti sono stati declassificati.

È anche oggetto di indagini sui suoi tentativi di ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020 e sul suo ruolo nell’attacco dei suoi sostenitori al Campidoglio il 6 gennaio 2021.

Attualmente non è perseguito in alcun modo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.