Carburante in Francia: manutenzione degli ostacoli presso TotalEnergies e richieste presso ExxonMobil

Gli scioperanti di TotalEnergies hanno respinto, mercoledì sera, una proposta amministrativa per revocare il blocco dei depositi di carburante, poche ore dopo una richiesta iniziale lanciata dal governo francese a Esso-ExxonMobil per rifornire stazioni di servizio a secco nella regione parigina.

Al termine di un nuovo incontro presso la sede di TotalEnergies vicino a Parigi, gli scioperanti hanno categoricamente respinto la proposta di liberare le spedizioni giovedì mattina, come condizione per l’apertura dopo le trattative salariali.

“È un enorme rifiuto categorico, loro (lo staff) non vogliono negoziare questo requisito”, ha detto all’AFP Thierry Deverson, membro della CGT del panel di TotalEnergies Europe. “L’esito negativo delle discussioni della notte”, ha confermato la società ad AFP.

All’inizio della giornata, la direzione ha comunque concordato per la prima volta di ricevere la CGT mercoledì. Finora era richiesto come prerequisito alzare l’asticella per vedere la seconda unione del gruppo.

In precedenza, come annunciato il giorno prima dal primo ministro Elizabeth Bourne, il Ministero della transizione energetica ha lanciato un ordine per quattro dipendenti in sciopero della Esso-ExxonMobil di rilasciare carburante nel deposito della raffineria di Port-Jérôme (NW).

Il direttore del cantiere ha comunicato il decreto dei quattro dipendenti, due per mercoledì e due per giovedì, che dovranno presentarsi e riaprire i cancelli, pena sanzioni penali.

Philip Martinez, il leader della CGT venuto a sostenere i dipendenti della ExxonMobil, ha denunciato la “decisione scandalosa” e ha annunciato giovedì una causa.

La domanda non riguarda le operazioni di raffineria e quindi la produzione di carburante. Ciò “permetterà di garantire che i prodotti vengano spediti”, “di solito oggi nella regione di Parigi” tramite un gasdotto, ha affermato un portavoce di ISO France.

READ  È impossibile rallentare l'inevitabile invecchiamento

Il portavoce del governo Olivier Veran ha confermato che gli scioperanti del magazzino delle Fiandre di TotalEnergies, vicino a Dunkerque (Nord), sarebbero stati i prossimi ad essere catturati.

Nel frattempo, il presidente Emmanuel Macron prevede di tornare alla normale distribuzione del carburante “entro la prossima settimana”, durante un’intervista a France 2 mercoledì sera, chiedendo la “responsabilità” della gestione di TotalEnergies e CGT.

Sei delle sette raffinerie in Francia hanno scioperato mercoledì: quattro di Total Energy e raffinerie di Esso-ExxonMobil. Solo quelli di Lavéra (gruppo Petroineos) non furono banditi.

Si è unito allo sciopero Force Ouvrière (FO), il quarto sindacato tra i lavoratori della raffinazione di TotalEnergies.

Abbastanza per prolungare la carenza, nonostante le promesse di miglioramento del governo.

Nel tardo pomeriggio di mercoledì, il 30,8% delle stazioni di servizio era a corto di uno o più carburanti (31,3% martedì), secondo le autorità. La situazione è peggiore nel nord del Paese, nella regione di Parigi e nel centro.

Gli automobilisti di tutto il mondo dicono della “lavagna da cucina” e delle code brutali: “Questa mattina ho perso 1:30 per trovare una pompa diesel (…) nel mio giorno libero”, disperata Albertine Moraes, un’infermiera a Clichy-la-Garenne , vicino a Parigi. . E bisognerà “ripartire tra un paio di giorni”: “Sono già nel panico”.

Motivo del disaccordo: salario. CGT, che lo scorso 27 settembre ha lanciato lo sciopero a TotalEnergies, chiede un aumento del 10% per il 2022, rispetto al 3,5% ottenuto a inizio anno, per compensare l’inflazione e beneficiare degli eccezionali profitti del gruppo.

Alla Esso è stato firmato un accordo con due delle federazioni maggioritarie, inclusa la CFDT, ma non con la CGT. Lo sciopero è continuato nelle sue raffinerie.

READ  Venti oltre 190 km/h, possibili oltre 200 mm di pioggia: scatenato l'uragano Roslin

A TotalEnergies, lo sciopero è in corso dal 27 settembre. Riguarda la raffineria della Normandia, vicino a Le Havre (nordovest), il Flanders Depot, vicino a Dunkerque (nord), la raffineria di La Midi (sudest), la raffineria di Visin (centro-est) e Dongs (ovest).

Di fronte agli automobilisti arrabbiati, il governo è oggetto di crescenti critiche da parte dell’opposizione. La deputata del Partito dei Verdi Sandrine Rousseau ha chiesto uno “sciopero generale” mercoledì e Mathilde Baneau (La France Insoumise, all’estrema sinistra) è andata dagli aggressori della ExxonMobil.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.