Canale di Suez | Ottimismo, ma gli sforzi di liberazione sono ancora vani

(Suez) La nave portacontainer lunga 400 metri che è stata congelata attraverso il Canale di Suez domenica ha resistito per il sesto giorno consecutivo ai recenti tentativi di salvataggio, ma l’attesa alta marea serale potrebbe rendere la vita più facile ai soccorritori.


Mohamed ABOUELENEN
France Media

Sono in corso nuove operazioni per riavviare il fiume Evergreen – più di 220.000 tonnellate – che è stato bloccato da martedì in diagonale attraverso il canale, chiudendo questo corso d’acqua largo 300 metri tra le corsie più trafficate del mondo.

Il Canale di Suez vede passare circa il 10% del commercio marittimo internazionale e ogni giorno di blocco causa ritardi e costi significativi agli operatori del settore.

Se il tentativo di salvataggio di venerdì dovesse fallire, parte delle speranze ora riposa nella prevista marea più alta in serata che potrebbe aiutare le squadre di soccorso.

Decine di locomotive e bulldozer sono stipati per aspirare la sabbia sotto la nave, la cui prua è fissata alla riva. Secondo un portavoce dell’Autorità egiziana del Canale di Suez, George Safwat, a una profondità di 18 metri sono già stati rimossi circa 27mila metri cubi di sabbia.

Alto controllo

La nave portacontainer è stata circondata domenica mattina da diverse locomotive, secondo un giornalista dell’AFP. È alta una sessantina di metri con il suo carico e domina i campi e le palme circostanti.

Le zone circostanti erano tenute sotto stretta sorveglianza dalla Sicurezza del Canale, ma anche dai soldati e dalla polizia.

Sono in arrivo due nuove scarpate nel Mar Rosso: l’italiano Carlo Magno e la Guardia alpina olandese, secondo i siti che ritraggono il traffico marittimo. Altre due locomotive egiziane dovrebbero funzionare, secondo la Securities and Commodities Authority.

READ  Terremoto ad Haiti: "La situazione peggiorerà"

L’ammiraglio Osama Rabie, capo della Securities and Commodities Authority, è ottimista. Ha detto alla televisione egiziana, sabato, che la nave “si è spostata di 30 gradi a destra ea sinistra” per la prima volta, in un “buon segno” dell’andamento degli sforzi.

“Fonti vicine all’operazione di salvataggio mi hanno detto questa mattina che l’ottimismo nel team di esperti sta crescendo e sperano che il divieto della nave venga revocato entro 24-48 ore”, ha scritto domenica Richard su Twitter. Il giornale commerciale Lloyd’s List.

Nel frattempo, sabato, ha detto Spring, Evergiven sta bloccando più di 300 barche bloccate a entrambe le estremità della corsia che collega il Mar Rosso al Mediterraneo.

Secondo un rapporto dell’assicuratore Allianz venerdì, ogni giorno di inattività potrebbe costare al commercio globale tra i 6 ei 10 miliardi di dollari.

I primi effetti concreti si sono fatti sentire: la Siria ha spiegato, sabato, di aver iniziato a razionare la distribuzione di carburante, a fronte di ritardare la consegna di un carico di petrolio.

Inoltre, 11 navi da carico dalla Romania sono rimaste bloccate. Animal International segnala il rischio di morte di 130.000 animali.

Secondo il quotidiano statale Al-Ahram, il ministero dell’Agricoltura egiziano ha inviato tre squadre veterinarie per esaminare gli animali.

Costi e alternative

Il valore totale della merce che è stata bandita o è stata costretta a prendere un’altra strada varia secondo le stime: da 3 miliardi di dollari al giorno secondo Jonathan Owens, esperto di logistica presso l’Università di Salford in Gran Bretagna, a 9,6 miliardi secondo Lloyd’s List , il giornale britannico On the Sea. Trasporti.

Da parte loro, le autorità del canale hanno confermato che l’Egitto sta perdendo tra i 12 ei 14 milioni di dollari al giorno dalla chiusura. Secondo la Securities and Commodities Authority, nel 2020 quasi 19.000 navi hanno utilizzato il canale.

READ  Ucraina | Washington mette in guardia Mosca contro un'ulteriore invasione

In attesa che il traffico riprenda, molti attori dello shipping internazionale come Maersk o l’armatore francese CMA CGM hanno deciso di dirottare alcune delle loro navi e di attraversare il Capo di Buona Speranza, una deviazione di 9.000 chilometri e almeno sette giorni aggiuntivi della navigazione nel continente africano.

Il proprietario della nave francese ha dichiarato domenica mattina all’AFP che “il gruppo ha deciso di dirottare due delle sue navi dirette in Asia attraverso il Capo di Buona Speranza e sta studiando altre alternative per i propri clienti, per implementare soluzioni aeree o ferroviarie attraverso la Via della Seta. . ” .

Mentre i forti venti accompagnati da una tempesta di sabbia sono stati segnalati per la prima volta per spiegare l’incidente, sabato Rabie ha parlato di un possibile “errore umano” tra le cause dell’incidente.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *