Calcio, uno sport minore in Australia

Se in Australia lo sport occupa un posto importante, allora il calcio non è così popolare come in Europa. Ogni giorno, Jean-Marc Faure sottolinea i legami tra politica e calcio.

L’Australia, grazie alla vittoria contro il tempo, è diventata l’ospite a sorpresa degli ottavi di finale della Coppa del Mondo. La nazionale australiana (il soprannome della squadra di calcio australiana) affronterà l’Argentina sabato 3 dicembre. È una sorpresa perché il calcio in Australia è uno sport così piccolo.

>>> Coppa del Mondo 2022: notizie, obiettivi, risultati… Segui gli ultimi sviluppi della Coppa del Mondo in diretta

Lo sport in generale è uno sport importante in Australia. È un grande paese per lo sport. Gli australiani sono atletici. Ciò è dovuto alla natura del paese, questo lato della natura selvaggia deve essere addomesticato, il che indica l’importanza data al corpo. Basta guardare i risultati degli australiani ai Giochi Olimpici, con il numero di medaglie comunicate alla popolazione. Durante le Olimpiadi di Tokyo, gli australiani hanno vinto 46 medaglie, di cui 17 d’oro, meglio della Francia. Ma il calcio, come si dice lì, rimane uno sport secondario in Australia. Gli sport principali sono gli sport tipici australiani, come le regole australiane, un misto di calcio e rugby, presenti in tutto il territorio. Quasi una religione: 18 giocatori, piedi, mani, ruvida cosa violenta. C’è anche il campionato di rugby. La National Rugby League è la principale competizione professionistica australiana e la finale annuale è in qualche modo simile al Super Bowl negli Stati Uniti. Poi arriva l’unione di cricket e rugby.

READ  Lopareva e Brissaud quinte in Dancing on Ice, Holy Italians

La differenza di fuso orario non è adatta con il Qatar

Il calcio è in ritardo! Questa è solo la seconda volta nella sua storia che l’Australia si è qualificata per la fase a eliminazione diretta di una Coppa del Mondo. La volta precedente era stata nel 2006, dopo la sconfitta contro l’Italia in questa fase della competizione. Sale gradualmente, come accade un po’ negli Stati Uniti. Attualmente ci sono oltre un milione di licenziatari, con alcuni club particolarmente forti con sede a Melbourne. Ma il calcio ha ancora qualche problema mediatico. In Qatar, anche se la squadra sta andando bene e il pubblico è molto bravo alla TV australiana, il calendario delle partite è un disastro per l’Australia. Sono le due del mattino.

Un altro fatto sorprendente è che in Australia il calcio è uno sport di immigrazione! È uno sport per gli immigrati e per il movimento verso l’alto. Ma non è stata la prima ondata di emigrazione, quella dei detenuti dal Regno Unito. No, piuttosto, è il caso degli anni ’60, ’70 e ’80 del secolo scorso. Greci, ungheresi, cechi, croati, serbi e italiani: il calcio ha trovato il modo di perpetuare la propria storia. Spesso dopo la comunità. e un vettore di integrazione sociale. Quando l’Australia si qualificò per la prima volta per la Coppa del Mondo nel 1974, solo un giocatore su tre era nato in Australia. Stessa cosa negli anni 2000 con giocatori come Mark Viduka, Tony Popovic, Tim Cahill, Mark Schwarzer o l’allenatore Ange Postecoglou.

Calciatori viziati

Nella rosa attuale ci sono giocatori di provenienza molto diversa: Serbia, Italia, Olanda, Turchia, Bosnia, Nuova Zelanda, Malta, Irlanda, Nigeria, Libano, Afghanistan. Si registrano anche nuove ondate migratorie, principalmente dall’Africa, con tre attori della comunità sud sudanese e famiglie in fuga dalla guerra. Awer Mabil, ad esempio, si è trasferito dai campi profughi in Sud Sudan alla squadra di calcio australiana, giocando per il Cadiz FC. Thomas Deng è nato in Kenya e Garang Kowal in Egitto. Keanu Backus è nato in Sudafrica.

READ  Mentalità, arbitri e gol: Jose Mourinho, già 'speciale' alla Roma

Tutti i continenti rappresentati: questi i colori dell’Australia Unita. E l’Australia, che per 20 anni ha spesso perseguito una politica estremamente dura nei confronti degli immigrati, in particolare fermandoli su isole remote, si trova a coccolare calciatori di altre parti che l’hanno fatta sperare nel suo primo quarto di finale di Coppa del Mondo. .

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.